Questo sito contribuisce alla audience di

L'indaco che c'è in te

Una settimana dedicata a noi stessi di Ish Gisella Cannarsa

Ci siamo chiesti un paio di volte, Pino* ed io, se questo progetto fosse una pazzia. Ma l’entusiasmo di Ann Callaghan, quando le abbiamo comunicato l’idea e gli occhi lucidi di alcuni amici che nemmeno sanno cosa sia un “Indaco”, oltre che un colore, ci hanno convinti. E poi, e poi… l’eccitazione di tutti coloro che abbiamo coinvolto …

Da quando avevamo avuto l’ispirazione a creare qualcosa che fosse uno Spazio speciale in un Tempo speciale, tutto per noi, per voi, avevo passato alcune notti col tarlo del tema conduttore. Non volevo un calderone “pigliatutto”, né una di quelle cose monotematiche che rischiano di diventare come i vestiti strech… che dopo un po’ vuoi respirare…
E c’era la necessità di conciliare le esigenze dei nostri Allievi di Naturopatia e Cristalloterapia, e quelle di chi vive il quotidiano sentendosi piacevolmente diverso, oppure spasmodicamente alla ricerca di altri “diversi”.

Ma all’improvviso è apparsa la risposta, chiara, giocosa e ovvia: “Indaco”, il giusto tema che ormai riassume, nella sua accezione, il Cambiamento in atto.
Ci preoccupiamo di relazionarci coi Nuovi Bambini, e magari non ci rendiamo conto che anche noi siamo dei Nuovi Adulti.
Magari un po’ annebbiati, confusi, intrappolati in alcune correzioni educazionali, velati da convenzioni che nemmeno ci accorgiamo portarci dietro.
Eppure la chiave è lì, esattamente lì: la nostra fatica, la nostra difficoltà, la nostra insoddisfazione non fanno di noi persone “sbagliate”.

Ecco, lo Spirito Collettivo dei Nuovi Bambini, felici di accompagnarci nel percorso, alimenta l’Intento con cui stiamo dedicando intere giornate a rifinire questa “Settimana”, scelta sul calendario senza esitazioni. Avremo la possibilità di vivere insieme ben tre momenti di forza vibrazionale in cui lavorare e amplificare i risultati ottenuti.
Perché non vogliamo parlare, parlare, parlare, ma valutare quali atteggiamenti e quali rimedi pratici, ORA, possono sostenere Bambini, Genitori, Individui coinvolti in relazioni sempre più trasgressive delle regole conosciute.

Perchè vogliamo agire, come è nostra consuetudine.

Così il Sogno di organizzare una settimana intera, si è concretizzato fluidamente: e ognuno di voi che vibri nel piacere, nella volontà di Esserci e portare il suo contributo efficace, come Operatore del benessere, come Genitore, come Individuo in Ascolto, sentirà dentro di sé il richiamo a Vivere questo evento.

Alcuni mi hanno raccontato tutte le loro problematiche di lavoro, di calendario, di famiglia, di denaro, e quindi l’impossibilità a partecipare. Rispetto profondamente questi limiti, ma vi invito a ricordare che noi creiamo la nostra realtà, e dobbiamo reimparare a gestire significati come “impossibile” e “volontà”.
Vi sto suggerendo di porvi nei confronti di questa nostra proposta, nei confronti dell’invito a partecipare ad una settimana speciale, con un atteggiamento diverso: invece di elencare tutto ciò che non potrà farvi essere presenti, abbiate il coraggio di credere che se questo incontro è importante, per voi, l’Universo vi fornirà i giusti adattamenti.

Chiedetevi “non posso o non voglio?” perché chi veramente vuole, ottiene. A me capita spesso di vedersi concretizzare quelli che chiamereste miracoli. E il formarsi, giorno dopo giorno, di questo progetto, ne è un esempio. E non poteva che essere così: è così importante che si possano unire le forze, gli intenti, e lavorare nella comprensione di un Mondo Diverso… oggi.
Vi aspetto in montagna, porterò anche la mia campana di cristallo.

Con gratitudine, Ish

(*) Giuseppe Vinella, naturopata, riflessologo, e Coordinatore didattico del Dodecaedro, a Bolzano. E’ responsabile, con Ish, della strutturazione della settimana residenziale.

Ultimi interventi

Vedi tutti