Questo sito contribuisce alla audience di

La Sindone

..molti si stupirono di Lui tanto era sfigurato per essere d'uomo il suo aspetto...

Dio ha mandato suo figlio sulla terra facendogli assumere la natura umana e nello stesso tempo ha permesso che ci lasciasse la sua impronta impressa sulla Sindone. Questo volto nascosto si è rivelato agli uomini affinchè scoprano il segno dell’amore infinito.

“La più stupenda pagina sanguiscritta, autoracconto fedele e dinamico della passione e morte di Gesù Cristo. (Enrico Medi).

Chi si sofferma a guardare la Sindone, nota una doppia immagine corporea, frontale e dorsale, punteggiata da macchie di sangue, e avverte che essa esprime una capacità di forza e di immediatezza di linguaggio tale da essere compresa da tutti gli uomini.

La Sindone può essere considerata un grande “libro” mediante il quale tutti sono introdotti e avviati alla comprensione del più grande mistero dell’umanità: quello dell’amore e della sofferenza di Dio.

Così si esprime Papa Giovanni Paolo II  in un discorso pronunciato nella Cattedrale di Torino, dopo aver sostato e meditato davanti al telo della Sindone:

La Sindone è anche l’immagine dell’amore di Dio, oltre che del peccato dell’uomo. Essa invita a riscoprire la causa ultima della morte redentrice di Gesù. Nell’incommensurabile sofferenza da essa documentata - l’amore di Colui che ha tanto amato il mondo da dare il suo  Figlio unigenito. (Giovanni 3,16) - si rende quasi palpabile e manifesta le sue sorprendenti dimensioni.

Dinanzi a essa i credenti non possono non esclamare in tutta la verità:” Signore, non mi potevi amare di più” e rendersi conto che responsabile di quella sofferenza è il peccato, sono i peccati di ogni essere umano. Parlandoci di amore e di peccato, la Sindone invita tutti noi a imprimere nel nostro spirito il volto dell’amore di Dio, per escluderne la tremenda realtà del peccato.

La contemplazione di quel corpo martoriato aiuta l’uomo contemporaneo a liberarsi dalla superficialità e dall’egoismo con cui molto spesso tratta dell’amore e del peccato. Facendo eco alla parola di Dio e a secoli di consapevolezza cristiana, la Sindone sussurra: credi nell’amore di Dio, il più grande tesoro donato all’umanità, e fuggi il peccato, la più grande disgrazia della storia”.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati