Questo sito contribuisce alla audience di

Epifania del Signore seconda parte

Adoreranno il Signore tutti i popoli della terra...


Dio vuole che tutti gli uomini siano salvi, e a questa salvezza ognuno arriva per strade e in modi diversi, e ognuno è, almeno in parte, responsabile, oltre che della propria, anche della salvezza degli altri. L’Epifania è la festa della luce una luce che guida a Gesù; una luce che traspare da lui.

Gli uomini senza Dio, vivono nelle tenebre, non sanno dove andare, brancolano in un mondo falso e bugiardo in un mondo all’insegna dell’errore e del peccato, abbandoniamo questa vita e lasciamoci illuminare dall’amore di Cristo seguiamo soltanto lui che si è fatto uomo, è morto e risorto per noi per portarci nel suo regno dove con lui, il Padre e lo Spirito vivremo beati per tutti i secoli.

La nostra preghiera.

Vorrei vedere anch’io, Signore, la tua stella. Vorrei avere anch’io, la forza di partire,
di abbandonare tutto per mettermi in cammino, con bagaglio leggero e cuore desto,
disposto a camminare e a domandare pur di arrivare alla meta desiderata.
Vorrei trovare anch’io, Signore, le persone a cui porre i miei interrogativi,
quelli che mi porto dentro da troppo tempo,come un fuoco che cova sotto la cenere
di tanti sogni infranti, di tanti progetti bruciati.
Vorrei ricevere anch’io, Signore, la risposta che mi mette nella direzione giusta,
che mi strappa alla confusione, all’imbarazzo, e mi fa percorrere l’ultimo tratto di strada.
Vorrei giungere anch’io, Signore, alla capanna e riconoscere nel segno che ci offri,
in quel bambino che giace nella mangiatoia, la tua Parola fatta carne,
il tuo Amore che ci spalanca le braccia, la tua Grazia che ci trasforma in figli
accompagnati con discrezione, in figli liberati da ogni tristezza.

«Svegliati e rinvigorisci ciò che rimane sta per morire» (Ap 3,2)! Come puoi pensare di seguire gli ideali degli uomini di questo mondo? Non vedi come sono angosciati, scontenti e non sanno né da dove vengono né verso dove vanno? Il Signore ti ha scelto ed eletto come membro della Chiesa, la nuova Gerusalemme salutata da tutti come: «la nostra madre» (Gal 4,26). Quanti uomini che brancolano nel buio, sono alla ricerca di luce, di un senso alla loro esistenza? … Tu che hai a portata di mano questa luce ti permetti di spegnerla o di disprezzarla? «Alza gli occhi intorno e guarda… sarai raggiante, palpiterà e si dilaterà il tuo cuore» quando, preso dall’amore di Dio, saprai indicare la strada che conduce a Cristo a quanti te la chiederanno come fecero i Magi alla città di Gerusalemme.
«Dovete splendere come astri nel mondo» (Fil 2,15)!

La nostra preghiera

Cristo Gesù, Salvatore del mondo, illuminatore di ogni cosa, vieni incontro alla nostra fede
perché non abbia tenebre, illumina la nostra speranza perché ci mantenga nella pace;
sii nostro unico Maestro; fa’ che ti seguiamo, Luce del mondo, affinché non camminiamo nelle tenebre
ma abbiamo la Luce della Vita. Luce senz’alba né tramonto, tu che di luce rivesti il giorno
e di pace ricolmi la sera, infiamma la nostra carità: non permettere che il male, la colpa e l’errore,
né l’odio, la discordia o l’ingiustizia, turbi la dolcezza che Tu ci doni perennemente nel tuo Amore!
Spalanca le nostre braccia, come le tue, verso tutti i popoli della terra, senza alcuna distinzione di razza o lingua, perché ci accogliamo e viviamo come la Tua “unica” Famiglia! Amen

Indietro

Giuseppe sposo di Maria e padre putativo di Gesù… La leggenda del falegname

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Rachelina Pascazio

    06 Jan 2011 - 11:11 - #1
    0 punti
    Up Down

    E ora siamo seri

Ultimi interventi

Vedi tutti