Questo sito contribuisce alla audience di

L'Opera da tre soldi di Brecht-Weill

"L'Opera da tre soldi", nata dalla collaborazione fra Bertolt Brecht e Kurt Weill, rivive in una registrazione degli anni '30 pubblicata dalla Membran

Nato a Dessau nel 1900, Kurt Weill ebbe fra i suoi maestri Humperdinck e l’italiano Busoni.
Tutta la sua produzione giovanile fu caratterizzata da un modo di comporre inconfondibile, che faceva ampio uso dei fiati e attingeva spesso al jazz.
Costretto a fuggire dalla Germania per motivi razziali, Weill, dopo aver toccato Parigi e Londra, scelse gli USA come seconda patria ed anche lì lasciò una forte impronta.
Si dedicò, infatti, alla commedia musicale e alla creazione di colonne sonore, attività interrotta dalla morte prematura avvenuta a New York nel 1950.
Pur nella validità delle opere americane, i suoi lavori più noti rimangono sicuramente quelli del periodo tedesco, fra i quali ricordiamo  L’opera da tre soldi (1928), apice del sodalizio fra Weill e lo scrittore Bertolt Brecht.
Brani scelti di questa composizione sono riportati in un cd della Membran, rivolto ad una registrazione degli anni ‘30.
Si tratta di un documento eccezionale, dove è possibile riascoltare alcuni dei protagonisti della vita musicale di un’epoca che, di lì a poco, avrebbe conosciuto l’avvento del nazismo.
Fra tutti, naturalmente, si erge la voce sensuale di Lotte Lenya, che sposò Weill per ben due volte e lo accompagnò nel suo esilio americano.
Un’ultima curiosità legata al disco è quella di ascoltare, alla fine, anche la voce di Bertolt Brecht, che non sembra molto a suo agio nel ruolo di cantante.
In conclusione un disco che, per il bassissimo prezzo, unito ad una qualità discreta, considerando l’epoca di registrazione, non può assolutamente sfuggire agli appassionati.

Argomenti