Questo sito contribuisce alla audience di

Alfred Tomatis

Il dottore che svelò i segreti dell'apparato uditivo

Nato a Nizza uno degli ultimi giorni del 1919, il destino di Alfred Tomatis fu legato all’ udito fin da quando venne alla luce.
Prematuro di appena sei mesi e mezzo, la levatrice, dopo averlo estratto dal grembo materno tirandolo per un orecchio, lo depositò in un cesto, convinta che fosse morto.
Solo l’intervento della nonna riuscì a salvarlo da morte sicura e questo evento, quasi miracoloso, convinse Tomatis di essere predestinato a grandi cose.
Orientò quindi i suoi studi verso la professione medica, specializzandosi in otorinolaringoiatria, ma solo nel dopoguerra approfondì quelle conoscenze che lo avrebbero reso famoso.
La sua prima ricerca fu rivolta agli operai che lavoravano negli arsenali dell’aeronautica, per verificare i danni provocati dai rumori assordanti ai quali erano sottoposti.
Successivamente si occupò dei problemi di diversi cantanti, che a causa di una prolungata attività artistica finivano per perdere l’intonazione e talora anche la voce.
Dopo lunghi studi, Tomatis si rese conto che, con il passare del tempo, un cantante rischia di perdere la brillantezza soprattutto perchè assordato dalla sua stessa voce.
Partendo da questi presupposti arrivò ad alcune conclusioni che furono raccolte sotto il nome di Effetto Tomatis.
Molte altre sono state le tematiche affrontate dallo scienziato francese, fra le quali ricordiamo i primi studi sulle percezioni intrauterine del feto.
Un patrimonio che, una volta morto Tomatis nel 2001, non è andato disperso in quanto egli ha fondato numerosi centri in tutto il mondo, dove personale da lui formato applica rigorosamente il suo metodo.
Consigliamo, infine, per conoscere meglio questa figura, la lettura del libro L’orecchio e la vita, edito dalla Baldini & Castoldi, appassionata autobiografia che ripercorre le tappe salienti della sua vita.

Argomenti