Questo sito contribuisce alla audience di

Musica "Doc" alla Rai

I difficili rapporti fra musica classica e televisione di stato

Gli appassionati di musica classica sono considerati dei nottambuli dalla televisione di stato, per cui i concerti sono programmati sempre oltre la mezzanotte.
Si tratta di una sorta di tacita “fascia protetta”, molto più ferrea di quella esistente per gli spettacoli vietati ai minori.
Per questo motivo, la nostra emozione è stata forte quando, la settimana scorsa, poco dopo le 23, ci siamo imbattuti nella registrazione di una serata di musica classica, addirittura trasmessa su un canale satellitare della Rai (Doc-Futura).
Una gioia di breve durata, perchè noi appassionati non siamo comuni spettatori, ma vogliamo acquisire tutta una serie di notizie relative al concerto (brano eseguito, sede del concerto, esecutori) e soprattutto pretendiamo (incontentabili!), che l’audio sia di buona qualità.
Partiamo da quest’ultima osservazione, per dire innanzitutto che, per poter ascoltare bene il brano, abbiamo dovuto alzare il volume della televisione a livelli anormali.
In più, poiché si trattava di un concerto per pianoforte, qualcuno avrà pensato, in sede di registrazione, che il suono dello strumento dovesse superare tutto il resto, finendo per provocare una forte disomogeneità fra solista e massa orchestrale.
Riguardo alla parte informativa, dopo avere chiesto invano aiuto al tasto apposito del telecomando, che ci ha risposto con un sibillino Inaugurazione A.A. 2006-2007, confidavamo nei titoli di coda per saperne di più.
Ma il regista, che aveva già omesso l’aggiunta in sovrimpressione dei diversi tempi del concerto, ha voluto chiudere in bellezza.
Infatti, mentre sfumava l’immagine, ha fatto scorrere solo cinque nomi (il suo, insieme a quelli dell’ assistente e di altre tre persone da ringraziare), ignorando tutto il resto.
In conclusione un pessimo servizio, soprattutto nei confronti di chi cerca di avvicinarsi alla musica classica, contrassegnato dal marchio Doc-Futura, che ci fa comprendere cosa intenda attualmente la Rai per prodotto di qualità.

Argomenti