Questo sito contribuisce alla audience di

Matteis: Suite e Sonate da "Ayres for the Violin" - Vol. I

L'Harmonia Mundi dedica il primo di due cd ai brani di un autore napoletano di fine Seicento

Compositore e violinista vissuto nel Seicento, Nicola Matteis fa parte di quegli artisti che, per farsi conoscere e migliorare la propria posizione economica, si recò all’estero.
Nato a Napoli intorno al 1640, verso il 1670 si spostò in Inghilterra, deciso a vivere con i proventi derivanti dalle sue opere.
La cosa non gli riuscì, per cui fu costretto ad intraprendere la carriera di solista, finendo per essere conosciuto più come violinista che come compositore.
Le nozze con una ricca vedova, posero fine ai problemi finanziari e, di conseguenza, interruppero anche le sue esibizioni in pubblico.
Visse gli ultimi anni circondato da uno sfarzo smodato, causa prima della sua dipartita, secondo quanto riportano le poche fonti a disposizione, tutte di origine inglese.
Non privi di una certa invidia ed acredine, questi documenti riconoscono, però, che il musicista italiano possedeva un’abilità eccezionale nel suonare il violino, servendosi di una particolare tecnica, fino ad allora sconosciuta.
Per quanto riguarda la sua produzione, essa consiste in alcune raccolte, pubblicate fra il 1676 ed il 1687 con il titolo Ayres for the Violin, rivolte sia a principianti che a professionisti.
Parte di questo repertorio è stato registrato in due cd dalla Harmonia Mundi (collana Classical Express), il primo dei quali comprende quattro suite e due sonate per violino solista.
Esse sono eseguite in modo impeccabile dall’ ensemble Arcadian Academy, diretto da Nicholas McGegan, che fa emergere lo stile originale e fortemente innovativo di Matteis, autore paragonato da molti studiosi al celeberrimo Corelli.
Come pregio aggiuntivo, il disco si caratterizza anche per l’ottimo rapporto qualità/prezzo e quindi, in conclusione, vi consigliamo caldamente l’acquisto di questo autentico gioiello proveniente dal catalogo dell’ Harmonia Mundi.