Questo sito contribuisce alla audience di

Buxtehude: integrale dei brani per organo

La Membran omaggia il grande compositore danese nel terzo centenario della morte

Secondo la tradizione, nel 1705, il giovane Bach percorse a piedi i chilometri che separavano Arnstadt, dove lavorava come organista, da Lubecca, città di residenza di Buxtehude.

C’è chi dice che si recò dal maestro danese, allora sessantottenne, per perfezionarsi, altri, più maligni, pensano che volesse anche sondare la possibilità di sostituirlo, essendo imminente il suo pensionamento.

Questo episodio ci fa comprendere molto bene quale fosse, all’epoca, la fama di Dietrich Buxtehude (1637-1707), che per circa quarant’anni fu organista della Chiesa di S. Maria, dando un forte impulso alle attività musicali di Lubecca.

Al proposito basterebbe ricordare le energie profuse nel valorizzare le Abendmusiken (musiche della sera), intrattenimenti vocali-strumentali a carattere devozionale, inaugurati dal suo predecessore Franz Tunder, che si tenevano nella chiesa al di fuori delle funzioni ufficiali, durante le domeniche di Avvento ed in quelle che precedevano e seguivano la Pentecoste.

La produzione di Buxtehude comprende cantate, corali, musiche per clavicembalo, per archi ed anche un notevole numero di brani per organo.

A tal proposito va segnalato un cofanetto della Membran che raccoglie, in sei cd, l’intera produzione organistica di Buxtehude, nella magistrale interpretazione del danese Ulrik Spang-Hanssen.

Si tratta di musiche legate sia alla celebrazione dei periodi più importanti dell’anno liturgico (Avvento e Quaresima), sia alle principali festività (Natale, Epifania, Pasqua e Pentecoste), alle quali si aggiungono pezzi aventi come tema l’Annunciazione ed il Mistero della Trinità.

Nel complesso è possibile farsi un’idea molto precisa dello stile del compositore, dal quale, almeno in gioventù, Bach trasse sicuramente ispirazione e ci sembra, questo, anche il modo migliore per omaggiare un maestro dimenticato, nel terzo centenario della morte.

Argomenti