Questo sito contribuisce alla audience di

La Fenice del Messico

La K617 raccoglie alcuni villancicos composti a partire dai testi di suor Juana Inès de la Cruz, una delle maggiori scrittrici di lingua castigliana di tutti i tempi

I villancicos erano brani musicali polifonici, basati su rime popolari, costituiti da un corpo centrale, detto coplas, e da un ritornello, definito estribillo.

Presenti in Spagna fra il XV ed il XVII secolo, essi trattavano inizialmente argomenti profani ma, ben presto, estesero le loro tematiche al sacro, entrando così a far parte della liturgia ufficiale.

Il genere declinò a partire dal 1765, anno in cui nelle chiese venne vietata l’esecuzione di tutti i canti ecclesiastici composti su testi non in latino.

I villancicos si diffusero anche nelle colonie spagnole d’oltreoceano, soprattutto per merito di Suor Juana Inès de la Cruz (1648-1695), una delle figure più interessanti della letteratura castigliana di tutti i tempi, soprannominata “La Fenice del Messico”.

I suoi componimenti poetici furono di riferimento per molti autori del nuovo mondo ed un cd della K617 (collana Le chemins du Baroque de la Terre de Feu a l’embouchure du St-Laurent), testimonia l’influenza delle rime di Suor Juana sulla cultura musicale di Chuquisaca, l’attuale Sucre (Bolivia).

Nel disco sono raccolti brani di musicisti che utilizzarono i testi della religiosa, come Juan de Araujo (ca.1640-1712), Manuel de Mesa (ca.1725-1773), Durán de la Mota (ca.1675-1736) ed il milanese Roque Ceruti (ca. 1685-1760).

Per quanto riguarda i soggetti considerati, essi abbracciano differenti temi sacri, dal Natale all’Amore Divino, mentre la musica presenta un ritmo più marcato rispetto ai primi villancicos, combinato con piacevoli cadenze barocche.

Il tutto è evidenziato dall’ottima interpretazione dell’Ensemble Elyma, diretto da Gabriel Garrido, che si avvale della collaborazione del Cor Vivaldi-Els Petits Cantors de Catalunya.

Un cenno di merito conclusivo va alla casa discografica francese K617, ancora una volta impegnata ad approfondire il repertorio, in gran parte inedito, relativo alle missioni gesuitiche del Sudamerica.