Questo sito contribuisce alla audience di

Comunicato stampa della Comunità Evangelica Luterana

VERTIGINI DI COLORE, UNO SPETTACOLO DEDICATO ALLA PITTRICE FRIDA KAHLO

Mercoledì 21 novembre, alle ore 20.30 (nella Chiesa di via Carlo Poerio), nell’ambito della dodicesima edizione dei CONCERTI d’AUTUNNO, organizzati dalla Comunità Evangelica Luterana, un omaggio alla pittrice Frida Kahlo.

Per la prima volta la Comunità Evangelica, presieduta a Napoli da Riccardo Bachrach, la direzione artistica è di Luciana Renzetti, offre non un concerto, ma uno spettacolo nato proprio da una idea della Renzetti.

Il titolo è VERTIGINI DI COLORE, il testo è di Antonio Spagnuolo. Protagonista sarà l’attrice Adriana Carli con Rosangela Nardiello e Sergio Ragni. Alla chitarra Salvatore Morra, al pianoforte Maria Grazia Ritrovato Buonoconto, Susanna Canessa e Mariella La Rosa voci e chitarra.

E ci saranno anche due danzatrici Tiziana Soreca e Angela Rasulo perché lo spettacolo prevede una coreografia di Dorina Iancu.

“La scoperta della ricorrenza congiunta nel 2007 del centenario della nascita di Frida Kahlo e del cinquantenario della morte di Diego Rivera, suo compagno di vita spiega Luciana Renzetti - mi è apparso come segno del destino che li ha uniti anche dopo la morte, come se il loro percorso artistico e privato, d’amore e di separazione, di ricongiunzione e di amicizia includesse il segno della predestinazione, dell’ineluttabilità degli accadimenti che solo ai posteri è dato di valutare nella loro complessità e compiutezza”.

“Vertigini di Colore” è il titolo che la Renzetti ha trovato più giusto per rappresentare gli aspetti salienti, contraddittori ed appassionanti della forte personalità di Frida, che nell’arte ha trovato il mezzo di sopravvivenza, di comunicazione, di sfogo al dolore fisico ed intimo che ha segnato tutta la sua vita.

“Più giusto per interpretare il turbinio emotivo filosofico e religioso delle due Fridadice ancora Luciana Renzetti - quella che ci arriva documentata da scritti, foto e dipinti e quella che si intuisce al di là degli sguardi, delle dichiarazioni, dei coraggi e delle sfrontatezze. Due Frida che non si contrappongono, che non si combattono, che non si escludono, che non si compensano, ma che coesistono con la naturalezza tipica di chi è costretto ad ottenere ciò che vuole e che gli viene rifiutato percorrendo strade impervie, provocatorie e dissacranti”.

L’ingresso al concerto è libero


Ufficio Stampa

Raffaella Tramontano

cell.: 338-8312413

e-mail: raffaella.tramontano@libero.it