Questo sito contribuisce alla audience di

Mitrofan Petrovich Belaieff

EDITORE E MECENATE, PROMOSSE CON MOLTEPLICI INIZIATIVE LA MUSICA RUSSA

Mitrofan Petrovich Belaieff nacque a San Pietroburgo nel 1836, figlio di un commerciante di legnami.

A quindici anni lasciò la scuola per aiutare il padre e, nei decenni successivi, si spostò molto anche attraverso l’Europa occidentale, abbinando nei suoi viaggi la parte affaristica a quella culturale.

Amante dell’arte e della buona musica, Belaieff era in grado, fin da piccolo, di suonare il violino, la viola ed il pianoforte, il che gli permise di entrare a far parte di un’orchestra sinfonica amatoriale di S. Pietroburgo.

Lì ebbe modo di conoscere, nel 1878, Ljadov, all’epoca uno dei giovani appartenenti alla cosiddetta scuola nazionale russa, poi Borodin, nominato direttore dell’orchestra nel biennio 1879-1880, che gli diede anche delle lezioni.

Ma l’incontro fondamentale per il prosieguo delle attività di Belaieff avvenne nel 1882 quando, assistendo alla “prima” della Sinfonia n. 1 del diciassettenne Glazunov, non solo decise di contattarlo di persona, ma volle assicurarsi la pubblicazione esclusiva degli spartiti di tutte le sue successive composizioni.

Si recò quindi a Lipsia, all’epoca il centro più importante dell’editoria musicale e vi fondò la casa “M. P. Belaieff”, con sede sociale in quella città, in quanto in Russia non vi era ancora una legislazione definita riguardo ai diritti d’autore.

La “M. P. Belaieff” divenne subito celebre per l’accuratezza e la raffinatezza delle sue edizioni, caratterizzate da copertine stampate in cromolitografia e, nonostante questo, vendute a prezzi abbordabili.

In più, a differenza di quanto proponevano le case già esistenti, il repertorio era esclusivamente “classico” e circoscritto alla musica sovietica e, fatto innovativo e molto gradito da parte dei compositori, per la prima volta il compenso risultava legato al tipo di brano, per cui, ad esempio, gli spartiti d’opera erano quelli maggiormente pagati dall’editore.

Belaieff portò avanti altre iniziative musicali di grande interesse, come i “Concerti Sinfonici Russi”, le “Serate dei Quartetti Russi” e l’istituzione dei “Premi Glinka”, tutte manifestazioni volte a promuovere la musica ed i compositori sovietici.

Infine, dal 1886 al 1904, anno della sua morte, fu promotore de “Les Vendredis”, concerti che si tenevano settimanalmente nella sua casa, durante i quali, oltre a noti brani cameristici legati al repertorio europeo, si potevano ascoltare pezzi di autori russi, scritti appositamente per la rassegna.