Questo sito contribuisce alla audience di

Comunicato stampa Associazione Area Arte

Martedì 28 ottobre l’Autunno Barocco di Convivio Armonico presenta “SannitiNapoletani” nel 250° anniversario dalla morte di Carmine Giordano

Martedì 28 ottobre, alle ore 21.00, al Teatro Sancarluccio (v. S. Pasquale a Chiaia 49 – Napoli), secondo appuntamento con l’ Autunno Barocco 2008 dell’Associazione Area Arte, nell’ambito del Progetto “Gli Anniversari della Musica”.

Il concerto, intitolato “Carmine Giordano un Sannita a Napoli” ovvero “SannitiNapoletani” sarà il primo dedicato dall’ ensemble “Le Musiche da Camera” al compositore nativo di Cerreto Sannita nel 250° anniversario dalla morte.

A fine concerto sono previsti assaggi di prodotti tipici

Costo del biglietto: 8 Euro

Informazioni

Teatro Sancarluccio
Via San Pasquale a Chiaia, 49
80121 Napoli
Tel: 081405000
Fax: 081426161
Siti web
: www.lemusichedacamera.it
www.teatrosancarluccio.com

“SANNITINAPOLETANI” – Programma

C. Giordano
“Se dell’armi il decoro”, cantata per soprano, violino ed continuo
Brani tratti dall’Intermezzo “Rosetta e Malorco”

T. Carapella
“Un modesto amatore”, serenata per soprano ed archi

N. Calandro detto “Frascia”
Concerto per flauto ed archi

Interpreti

Filomena Diodati, soprano
Rosa Montano, mezzosoprano
Giusto D’Auria, baritono
Renata Cataldi, traversiere

Ensemble “Le Musiche da Camera” formato da
Egidio Mastrominico, violino
Raffaele Tiseo, violino e viola d’amore
Leonardo Massa, violoncello
Pierpaolo De Martino, clavicembalo

SANNITINAPOLETANI

Nel 2007 Area Arte è stata tra le prime associazioni a Napoli a festeggiare l’anniversario Scarlattiano con un’ inedito percorso monografico “Domenico Scarlatti – Europeo Napoletano”, prima edizione di in un progetto denominato “Gli Anniversari della Musica”, che ha lo scopo di focalizzare ogni anno l’attenzione su un compositore di scuola napoletana, anche e soprattutto non noto, del quale nell’anno si festeggia un anniversari.

Per il 2008, seconda edizione del progetto, la scelta è caduta sul compositore di origini sannite Carmine Giordano del quale ricorrono i 250 anni dalla morte. Giordano è ricordato in ambito musicale napoletano quasi esclusivamente per la cosiddetta “Pastorale di S.Domenico”, una composizione sacra in forma di mottetto dal carattere pastorale per soli, coro ed orchestra, scritta per essere eseguita nella Basilica di S. Domenico Maggiore durante il periodo natalizio, della quale è molto eseguita odiernamente solo l’aria pastorale “Dormi Benigne Jesu”.

Ma l’opera di Carmine Giordano, nato a Cerreto Sannita verso il 1685 e morto a Napoli nel 1758, con studi compiuti presso il Conservatorio della Pietà dei Turchini con Gaetano Ursino e Nicola Fago e con una attività come organista della Cappella Reale napoletana, merita una riscoperta per la varietà e per la qualità della sua musica.

Il progetto prevede oltre ad una ricerca più accurata sulla sua vita, l’acquisizione, lo studio, l’esecuzione e la registrazione di opere della sua produzione mai eseguita in tempi moderni!

Un programma di grande interesse musicologico, che propone tutte composizioni in prima esecuzione moderna: in “SannitiNapoletani” saranno eseguite di Giordano la cantata per soprano, violino ed continuo “Se dell’armi il decoro”, solista il soprano Filomena Diodati.

Quindi ascolteremo alcuni estratti dagli intermezzi “Rosetta e Malorco” da lui composti per l’opera “La vittoria d’amor coniugale” del 1712, con il mezzosoprano Rosa Montano ed il baritono Giusto D’Auria, intermezzi che verranno proposti interamente a maggio 2009 in forma scenica nell’ambito del progetto “L’Intermezzo Ritrovato”.

A completare il programma dedicato ai compositori di origine sannita ma di scuola napoletana ancora due prime esecuzioni moderne, una serenata per soprano ed archi, “Un modesto amatore”, del compaesano di Giordano, Tommaso Carapella ancora con il soprano Filomena Diodati, ed il Concerto per Flauto ed archi di Nicola Calandro detto “Frascia”, solista Renata Cataldi.