Questo sito contribuisce alla audience di

Concerto di Olga Laudonia alla Chiesa dell'Immacolata al Vomero

Sabato 20 novembre 2010 nuovo appuntamento con i “Vespri d’organo”

Logo Associazione TrabaciSabato 20 novembre, alle ore 19.30, nella Chiesa dell’Immacolata al Vomero, Olga Laudonia, organista titolare del Santuario della Madonna del Carmine di Sorrento, sarà ospite della IV edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli - Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione “Giovanni Maria Trabaci”, la cui direzione artistica è curata dal maestro Mauro Castaldo.

Il recital inizierà con la Paraphrase sur un choeur de Judas Macchabée de Händel in sol maggiore del francese Alexandre Guilmant (1837-1911), tratto dai 18 Pièces nouvelles pour orgue en 7 livraisons, al quale faranno seguito due brani dell’italiano Marco Enrico Bossi (1861-1925), Chant du Soir, dai Tre Pezzi, op. 92 e Ave Maria, op. 104 n. 2, dai Cinque pezzi, op. 104.

Si passerà quindi a Bach con il Preludio in la minore BWV 543, il Largo dalla Trio Sonata n. 5 BWV 529, il corale Nun Komm der Heiden Heiland BWV 599 (dalla raccolta nota come Orgelbüchlein) e la Fuga in la minore BWV 543.

Sarà poi la volta di due Sortie, rispettivamente in mi bemolle maggiore e in si bemolle maggiore, del parigino Louis James Alfred Lefébure-Wely (1817-1869), che fu organista titolare nelle chiese di Saint-Roch, La Madeleine e Saint-Sulpice, mentre il programma si chiuderà con una finestra sulla musica britannica rappresentata da Hornpipe Humoresque di Noel Rawsthorne (1929) e Serenade for organ op. 22 di Derek Bourgeois (1941).

L’ingresso è libero

Prossimi appuntamenti

Mercoledì 24 novembre, ore 18.45 - Chiesa di Santa Caterina a Chiaia
III edizione del Concorso Corale di Napoli

Mercoledì 1 dicembre - ore 19.30
“Gli organisti di Napoli per la solidarietà”

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 - Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it

————————————————————————————————

Olga Laudonia

Olga Laudonia, nata a Sorrento nel novembre 1981, ha iniziato gli studi musicali nel 1997 con il Maestro Vincenzo De Gregorio e in soli sei anni ha conseguito il Diploma in Organo e Composizione organistica con il massimo dei voti presso il Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, dove ha poi seguito il corso di tirocinio. Ha proseguito gli studi musicali presso il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia, conseguendo nel 2008 il Diploma Accademico di II Livello in Organo e Composizione organistica sotto la guida del Maestro Wijnand van de Pol. Ha seguito corsi di perfezionamento con P. D. Peretti, K. Schnorr e E. Caiazzo.

Attualmente è iscritta all’ultimo anno della scuola di Clavicembalo nella classe del M° Enza Caiazzo presso il Conservatorio di Napoli. Agli studi musicali ha affiancato quelli umanistici: infatti, nel 2005 ha conseguito la Laurea in Lettere Moderne - Settore Musica e Spettacolo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II con una tesi in Storia della Teoria Musicale sull’organista Franco Michele Napolitano.

Nel 2004 ha vinto il Secondo Premio al Concorso nazionale d’organo “Premio Goffredo Giarda” (Roma – Accademia organistica romana) ed è stata invitata ad eseguire un concerto per l’inaugurazione del Nuovo Anno del Corpo Consolare di Napoli. Nello stesso anno ha partecipato come relatrice al Convegno internazionale di studi “Napoli e l’Europa: gli strumenti, i costruttori e la musica per organo dal XV al XX secolo” (Battipaglia, Salerno – Accademia Organistica Campana).

Nel 2008 ha inaugurato presso l’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli la mostra “La città cantante” a cura del M° Pasquale Scialò.

Nel gennaio del 2011 terrà il concerto di inaugurazione dell’organo Tamburini della Chiesa del Sacro Cuore in Piazza Navona a Roma.

Docente di Educazione musicale presso l’istituto “S. Maria della Pietà” di Sorrento, dal 2004 è organista titolare del Santuario della Madonna del Carmine della stessa città.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • casola antonino

    17 Nov 2010 - 18:29 - #1
    0 punti
    Up Down

    rosso dalla vergogna devo ammettere che, pur conoscendone la bravura ignoravo tutte le sue benemerenze.
    Complimentissimi!!!