Questo sito contribuisce alla audience di

Nicola Fazzini allo Zingarò Jazz Club

Mercoledì 24 novembre 2010 il sassofonista chiude con il suo quartetto la programmazione di novembre

Foto Nicola FazziniMercoledì 24 novembre 2010, lo Zingarò Jazz Club (via Campidori 11 – Faenza) presenta il concerto del Nicola Fazzini 4et.

La serata è ad ingresso libero e avrà inizio alle 22.

Il nuovo progetto di Nicola Fazzini lo vede insieme alla chitarra di Riccardo Chiarion, al contrabbasso di Stefano Senni e alla batteria di Luca Colussi: in quartetto, il sassofonista ha già pubblicato Watch your step, lavoro dedicato ai sassofonisti che maggiormente hanno influenzato il linguaggio del leader – Joe Lovano, Lee Konitz, John Coltrane, Sonny Rollins.

La ricerca di Fazzini si muove verso una sintesi tra tradizione jazzistica, modernità e ricerca personale di timbri ed atmosfere: come dimostra lo spettro delle sue collaborazioni – da Marcello Tonolo a Glauco Venier, passando per Zeno De Rossi e Achille Succi – la sua musica riprende stimoli di provenienza diversa per riportarli in una visione moderna e personale.

Il prossimo appuntamento con lo Zingarò Jazz Club è per mercoledì 1 dicembre 2010, quando si esibirà il Chiara Pancaldi Quartet.

Contatti
Zingarò Jazz Club
Via Campidori, 11 - Faenza (RA)
Tel: +39.0546.21560
e-mail: info@ristorantezingaro.com
web: www.ristorantezingaro.com; www.myspace.com/zingarojazzclub

Direzione Artistica: Michele Francesconi

Rapporti con la Stampa
Fabio Ciminiera
e-mail: fabiociminiera@jazzconvention.net
mob: +39.347.4098632.
skype: fabio.ciminiera

———————————————————————————————–

Nicola Fazzini

Nicola Fazzini, sax contralto & soprano. Nato a Milano il 19 Agosto 1970, intraprende lo studio del sassofono a 16 anni sotto la guita del Maestro Scala.
Comincia a suonare molto presto nei locali del Veneto in piccole formazioni, partecipa ai seminari di Siena Jazz ed alla manifestazione di Milano Musica in metrò.
Nel 1992 si trasferisce a Graz dove frequenta fino al 1997 il dipartimento di Jazz della Musikhochschule, dove ottiene il diploma triennale in sassofono jazz. Nel ’97 ritorna per un breve periodo in Italia per poi risiedere a Parigi.
In questo periodo matura esperienze musicali diverse dal jazz (reggae, klezmer, sonorizzazioni).
Torna in Veneto nel 1999 e forma, con Dario Volpi, Danilo Gallo e Zeno De Rossi, il gruppo Palo Alto, col quale registra due Cd (“Palo Alto” e “Crash Test”).
Nello stesso periodo entra a far parte della Thelonious Monk Big Band diretta da Marcello Tonolo; con questa orchestra ha avuto occasione di collaborare con numerosi musicisti ospiti, tra cui Steve Swallow e Carla Bley. Nel 2007 ha partecipato con questa big band alla registrazione del cd Night Over, che vede come ospiti Pietro Tonolo, Marco Tamburini e David Boato.
Fonda un quartetto a suo nome che comprende Riccardo Chiarion alla chitarra, Stefano Senni al contrabbasso e Tommaso Cappellato alla batteria; con questa formazione ha registrato il cd “Watch your step”, edito nel 2008 da Caligola Records , nel quale sono presenti sue composizioni originali ispirate e dedicate ai musicisti che più hanno ispirato il suo percorso artistico.
Fa parte del quintetto di Elena Camerin, con la quale ha registrato il cd Grazie dei Fiori?, rivisitazione delle canzoni italiane degli anni ‘50 in chiave jazz, che vede tra gli altri UT Gandhi alla batteria e Alfonso Santimone al pianoforte; suona inoltre nel sestetto “Shtick” di Zeno De Rossi, che di recente ha registrato e pubblicato un cd ispirato alla musica ebraica e alle sue contaminazioni nel jazz.
Sempre con Elena Camerin forma un nuovo progetto dedicato alle opere dello scrittore Italo Calvino dal titolo “Lezioni Americane” con ospite il trombettista statunitense Ron Horton.
Suona nel quintetto di Marcello Tonolo “Music on Poetry” dedicato a poesie di Philip Larkin e Gregory Corso.