Questo sito contribuisce alla audience di

Dissonanzen alla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta

Venerdì 10 e sabato 11 dicembre 2010 due serate rivolte alla musica contemporanea

Foto Longobardi e CappelliDoppio appuntamento per Dissonanzen, venerdì 10 e sabato 11 dicembre, alle ore 21.00, nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta.
Due serata dedicate alla musica contemporanea.

Venerdì 10 dicembre il pianoforte di Ciro Longobardi proporrà Triadic Memories di Morton Feldman, un’autentica avventura d’ascolto.

Una performance di 90 minuti sospesa nell’affascinante spazio acustico della Pietrasanta, con i suoi silenzi e i suoi echi.

Sabato 11 dicembre la chitarra di Marco Cappelli sarà invece la protagonista della serata.

Il programma si articola intorno alle composizioni per chitarra scritte nel 2003 per Cappelli dai musicisti appartenenti alla scena di Downtown New York che compongono l’ Extreme Guitar Project.

Cappelli proporrà le musiche di Alonso Mudarra (Fantasia X “que contrahaze la harpa en la Manera de Ludovico”), Fernando Sor (Etude op. 29 n.9) Giacinto Scelsi ( Ko - Tha n. 1), Ralph Towner (Green and Golden), Augustín Barrios (Valzer n. 4 op.8), Bill Frisell (Throughout Steve Reich - Electric Counetrpoint for guitar and tape: I-II-III), John Zorn ( 3 studi da “The Book of Heads”), Anthony Coleman (The Buzzing In My Head), Elliott Sharp (Amygdala II)

L’articolata performance si compone di 4 trittici.

Nel primo largo alla musica sperimentale per chitarra, con un excursus tra le diverse epoche storiche, come testimonianza di quanto l’esplorazione sonora oltre confine non sia affatto una prerogativa della contemporaneità.
Il secondo trittico è caratterizzato dalla “ipercelebrata cantabilità” della chitarra nel linguaggio di tre virtuosi dello strumento.
Segue il terzo trittico, riassunto nella monumentale opera per chitarra di uno dei padri del minimalismo.
Il finale è tutto newyorkese con l’attenzione focalizzata sulla particolarità che lega tra loro questi ultimi tre brani e che verrà rivelata dal vivo.

Costo del biglietto

Intero: 10 Euro
Ridotto (under 31): 5 Euro

Per in formazioni
sito web: www.dissonanzen.it

Ufficio stampa:
Giusi Zippo mob. 3396276954
e-mail: giusizippo@alice.it

————————————————————————————————

Ciro Longobardi

Ciro Longobardi, pianista, ha studiato con Carlo Alessandro Lapegna, perfezionandosi in seguito con Alexander Lonquich e Bernhard Wambach, e in musica da camera con Franco Gulli, Maurice Bourgue e Franco Rossi.

Nel 1994 si classifica finalista e miglior pianista presso il Concorso Gaudeamus di Rotterdam e vince il Kranichsteiner Musikpreis nell’ambito del 37° Ferienkurse di Darmstadt.

Ha suonato, in qualità di solista e di camerista, per numerose istituzioni, tra cui Festival Traiettorie di Parma, Festival Milano Musica, Festival Internazionale di Ravello, Ravenna Festival, Rai Nuova Musica Torino, Accademia Filarmonica Romana, Nuova Consonanza ed Istituzione Universitaria dei Concerti Roma, Saarländischer Rundfunk Saarbrücken, Ferienkurse Darmstadt, Festival Synthése Bourges, Festival Manca Nizza, Fondazione Gaudeamus Amsterdam (Muziekgebouw), ZKM Karlsruhe, Peter B. Lewis Theatre (Guggenheim Museum) New York, Festival di Salisburgo.
Ha inciso per Stradivarius, Limen, Mode, Tactus, RaiTrade.

Marco Cappelli

Dopo studi accademici di ottime referenze (Conservatorio di S. Cecilia di Roma e successivamente Musik Akademie di Basilea con Oscar Ghiglia), Marco Cappelli e` ormai da anni protagonista di un singolare percorso artistico, che lo vede passare con disinvoltura dall’esecuzione della scrittura musicale più rigorosa alla pratica dell’improvvisazione.

Dalla rosa delle sue collaborazioni (Anthony Coleman, Michel Godard, Butch Morris, Mauro Pagani, Jim Pugliese, Enrico Rava, Marc Ribot, Adam Rudolph, Elliott Sharp, Giovanni Sollima, Markus Stockhausen, Cristina Zavalloni) emerge il respiro internazionale e trasversale della sua attivita` concertistica, che lo vede regolarmente protagonista sia in stagioni concertistiche di musica classica e contemporanea che in festival di jazz e di improvvisazione tanto come solista che in diverse combinazioni di ensemble.

Socio fondatore dell’Associazione Dissonanzen di Napoli (e chitarrista dell’omonimo Ensemble) vive attualmente a New York per la maggior parte del tempo, interagendo attivamente con la ricchissima scena musicale dell’avanguardia newyokese: tra gli innumerevoli frutti di questa preziosa esperienza citiamo EGP (Extreme Guitar Project: 10 brani originali a lui dedicati da compositori della scena Downtown di New York), il quintetto di Jim Pugliese Phase 3, la Go: Organic Orchestra diretta da Adam Rudolph, la Nublu Orchestra diretta da Butch Morris, il progetto Caged Funk di Marc Ribot e, come band leader, il quintetto IDR - Italian Doc Remix e il Marco Cappelli Acoustic Trio Sul versante “europeo” Marco Cappelli suona regolarmente con l’Ensemble Dissonanzen e con l’ABC Modern Trio, recentemente costituito conl’arpista Lucia Bova ed il mandolinista Avi Avital.

Ha attualmente al suo attivo tre cd per chitarra sola: (Fantasia per Ensemble- su musiche di L. Brouwer - e Yun Mu incisi per l’etichetta Teatro Del Sole di Palermo) , ed EGP (Extreme Guitar Project: Music from Downtown New York) pubblicato dalla prestigiosa Mode Records di New York.

Gli anni 2006 e 2007 hanno visto la pubblicazione di Los Angeles Tapes (Ictus Records, con Andrea Centazzo e Kato Hideki) ed il suo debutto su Tzadik in duo con Jim Pugliese in Pushy Blueness di Anthony Coleman.

Mode Records ha inoltre pubblicato due cd dell’Ensemble Dissonanzen, che vedono Cappelli coinvolto nell’esecuzione della musica da camera di Petrassi ed Henze. Infine nel 2008 ha registrato per l’etichetta Itinera il cd IDR - Italian Doc Remix, dell’omonima band di cui e` leader, con ospiti Marc Ribot e DJ Logic.

Nel Marzo 2011 e` in programma la pubblicazione per Mode Records del cd di debutto del Marco Cappelli Acoustic Trio, intitolato Les Nuages en France con Ken Filiano al contrabasso e Satoshi Takeishi alle percussioni, cui seguira` il primo tour europeo del gruppo.