Questo sito contribuisce alla audience di

Si chiudono i Vespri d'organo

Il Coro Polifonico “Santa Caterina a Chiaia” diretto da Mauro Castaldo e l’organista Livio de Luca protagonisti del concerto conclusivo

Coro Santa Caterina a ChiaiaUltimo appuntamento, nella chiesa di Santa Caterina a Chiaia, con la IV edizione di “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli - Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci.

Ospiti dell’evento conclusivo che, come nel consueto spirito dei “Vespri”, ha abbinato musica e meditazioni, il locale Coro Polifonico, condotto da Mauro Castaldo (direttore artistico dell’Associazione Trabaci) e l’organista Livio De Luca.

Foto Livio De LucaA quest’ultimo era affidata la prima parte, durante la quale il maestro ha proposto un percorso a ritroso nel tempo, iniziato con la Toccata dello statunitense John Weaver, autore nato nel 1937, proseguito con l’Allegretto pastorale di Franco Michele Napolitano (1887-1960) e il Noël X del francese Louis-Claude Daquin (1694-1772), e terminato con il corale “Der Tag, der ist so Freudenreich” BWV 605 (tratto dall’ Orgelbüchlein) e con la Fuga in sol maggiore BWV 577, entrambi appartenenti alla produzione bachiana.

Nella seconda parte l’organista ha accompagnato il Coro Polifonico “Santa Caterina a Chiaia”, diretto da Mauro Castaldo, nell’esecuzione di una serie di composizioni legate al Natale, fra le quali Tu scendi dalle stelle, Stille Nacht, Adeste Fideles e White Christmas.

Per quanto riguarda gli interpreti, il maestro Livio De Luca ha fornito il suo consueto apporto, eseguendo con la bravura che lo contraddistingue i diversi brani organistici ed accompagnando molto bene anche l’ensemble corale.

Dal canto suo il Coro Polifonico “Santa Caterina a Chiaia”, gruppo di recente formazione, è apparso in netto progresso, mostrando delle buone individualità.

Vi è ancora la tendenza di alcune voci a voler prevalere sulle altre, ma si nota comunque la mano felice del maestro Mauro Castaldo, che sta portando avanti un ottimo lavoro.

Si conclude così una rassegna unica a Napoli nell’ambito della proposizione del repertorio organistico, giunta alla quarta edizione e contrassegnata da più di venti appuntamenti, che ci hanno accompagnato lungo l’intero arco dell’anno.

Ma, nemmeno il tempo di chiudere, che è già alle porte la quinta edizione, la cui inaugurazione è prevista per il prossimo 16 gennaio, sempre nella chiesa di Santa Caterina a Chiaia, con un concerto di monsignor Vincenzo De Gregorio.