Questo sito contribuisce alla audience di

Francesco Diodati Neko allo Zingarò Jazz Club

Mercoledì 16 febbraio 2011 il quartetto ospite del locale faentino

Francesco Diodati Neko QuartetMercoledì 16 febbraio 2011, lo Zingarò Jazz Club (Via Campidori, 11 – Faenza) propone il concerto del quartetto Francesco Diodati Neko, formato da Francesco Diodati alla chitarra, Francesco Bigoni al sax tenore, Francesco Ponticelli al contrabbasso e Ermanno Baron alla batteria.

La serata è ad ingresso libero e avrà inizio alle 22.

Francesco Diodati guida una formazione composta da quattro tra i più promettenti musicisti della scena italiana.
In Neko, il chitarrista unisce la freschezza melodica e timbrica alla libertà formale per dar forma a canzoni sofisticate ma orecchiabili e a temi dalla tensione moderna e tagliente: la ricerca espressiva del quartetto prende le mosse dal jazz per esplorare molti dei terreni musicali di oggi.

La cifra caratteristica di Diodati è lo sguardo attento ai grandi musicisti del passato e del presente per sviluppare un linguaggio moderno.

Questo permette al chitarrista di proporre composizioni sempre in equilibrio tra la melodia e la gestione delle strutture generali, ma anche di dialogare in maniera vitale ed efficace con i compagni di palco per disegnare atmosfere dal forte impatto emotivo.

Il prossimo appuntamento con lo Zingarò Jazz Club è per mercoledì 23 febbraio 2011 con la Jam Session degli allievi della Scuola di Musica Giuseppe Sarti.

Contatti
Zingarò Jazz Club
Via Campidori, 11 - Faenza (RA)
Tel: +39.0546.21560
e-mail: info@ristorantezingaro.com
web: www.ristorantezingaro.com; www.myspace.com/zingarojazzclub

Direzione Artistica: Michele Francesconi

Rapporti con la Stampa
Fabio Ciminiera
e-mail: fabiociminiera@jazzconvention.net
mob: +39.347.4098632.
skype: fabio.ciminiera

————————————————————————————————

Francesco Diodati

Francesco Diodati nasce nel 1983 a Roma, dove presto inizia lo studio della chitarra. Conclusi gli studi liceali, ancora incerto sul suo futuro, ottiene una laurea in Statistica. La possibilità di una carriera musicale lo spinge a dedicarsi a tempo pieno allo strumento: grazie a una borsa di studio frequenta i corsi di specializzazione InJam presso Siena Jazz, dove ha la possibilità di studiare con Kurt Rosenwinkel, John Abercrombie, Hein Van De Geyn, Jeff Ballard, Drew Gress, Seamus Blake, Roberto Cecchetto e molti altri. Inoltre Francesco ha ricevuto una delle più alte borse di studio concesse a chitarristi per frequentare la prestigiosa New School For Contemporary and Jazz Music, dove incontra musicisti come Reggie Workman, Ben Allison, Peter Berstein, Rachel Z e molti altri.

Francesco Diodati attualmente vive fra Roma e New York e partecipa attivamente in differenti progetti. Sin da giovane ha vinto con i suoi gruppi numerosi festival nazionali e internazionali fra i quali Barga Jazz 2005, Porsche Giovani e Jazz 2005, Jazz e Image 2005, Martina Franca 2004, Fara Music Jazz fest.

Francesco Diodati guarda ai grandi del passato per sviluppare un linguaggio moderno; come compositore combina differenti stili senza perdere mai di vista l’aspetto melodico. Tali caratteristiche gli permettono di creare un universo musicale originale e dal forte impatto emotivo.

Nel 2010 è uscito il primo album da leader con il gruppo Neko, “Purple Bra”, per l’Auand Records, una delle etichette italiane più importanti nell’ambito del jazz contemporaneo. Il gruppo Neko è costituito da alcuni dei più influenti e giovani musicisti della scena italiana: Ermanno Baron, Francesco Bigoni, Francesco Ponticelli. Il gruppo combina il concetto jazzistico di interplay e libertà improvvisativa con un approccio melodico spontaneo e mai scontato, utilizzando ogni stile musicale come possibile fonte d’ispirazione.

Francesco Diodati suona a livello nazionale e internazionale presso club e festival come Panama Jazz Festival (Panama), OuTonalidades (Spain and Portugal), Casa Del Jazz, Torrione Jazz Club, Panic, Pescara Jazz Festival, Foligno Young Jazz in Town (Italy), Zsambeck (Hungary), Tremplin Jazz, Avignon (France), Fat Cat (New York).