Questo sito contribuisce alla audience di

Apparato urinario

------------

È composto da reni, ureteri, vescica e uretra.

I reni sono organi retroperitoneali con forma a fagiolo localizzati fra T12 ed L3. Il destro è più basso rispetto al sinistro per il fegato che gli si sovrappone. Il rene è coperto da una capsula renale di tipo fibrosa coperta da una capsula adiposa. Per ultimo è presente una fascia renale che delimita la loggia renale racchiudendo la capsula adiposa e quindi quella renale. Sul margine mediale di ogni rene si può vedere una depressione in cui si trova l’ilo renale: qui entrano la arteria renale(collaterali) e ne escono le vene renali(collaterali) che si svuotano nella cava inferiore. Qui entrano inoltre i vasi linfatici, i nervi, e ne fuoriescono gli ureteri. La cavità in cui si aprono gli ureteri è detta pelvi renale (fuoriesce attraverso l’ilo).

Il rene presenta due diversi tipi di parenchima: il primo chiamato corticale è quello più esterno a contatto con la capsula renale ed il secondo chiamato midollare è più interno. Il corticale delimita le piramidi renali mentre quello midollare le forma presentandole tutte con l’apice verso il seno (il centro) del rene. Gli apici delle piramidi si aprono nei calici minori dove iniziano le vie escretrici renali. Diversi calici minori si raggruppano in calici maggiori, da qui alla pelvi renale ed infine l’uretere.

L’unità funzionale del rene è il nefrone formato dal corpuscolo renale e dal tubulo renale. Il corpuscolo renale è un gomitolo di vasi capillari racchiusi in una capsula epiteliale( detta capsula glomerale di Bownman) in continuità con il tubulo renale.

All’interno del corpuscolo sono localizzati circa 50 capillari a contatto con il foglietto viscerale dell’epitelio di Bownman. Fra l’epitelio viscerale (glomerulare) e quello che delimita il glomerulo (capsulare) c’è uno spazio chiamato pericapsulare. È la pressione sanguinea che spingendo i fluidi nei capillari fa dissolvere i soluti verso l’epitelio glomerulare, attraverso le cellule Podociti (con le loro belle fenestrazioni), e quindi nello spazio capsulare.

La zona in cui i capillari entrano ed escono viene chiamata polo vascolare(arteriosa efferente ed afferente), tipico esempio di rete mirabile arteriosa. Opposto al polo vascolare è localizzato il polo urinifero da dove poi prende origine tubulo renale.

Il tubulo renale può essere suddiviso in tre zone: contorto prossimale (accanto al polo urinifero), ansa di Henle e contorto distale (che sfocia poi nel calice minore).

Il tubulo contorto prossimale, o TCP, è formato da un epitelio cubico semplice che ha la funzione di riassorbire attivamente sostanze nutritizie, ioni (sodio, cloro ),proteine plasmatiche e acqua, filtrati dal glomerulo renale. Il TCP termina quando il tubulo renale fa una improvvisa svolta verso il basso: qui prende il nome di ansa di Henle. Quest’ultimo segmento è chiamato discendente e ne è presente anche uno ascendente: il primo si approfonda verso la papilla della piramide renale, mentre il secondo si dirige verso il corticale. Nell’ansa di Henle vengono filtrati ioni calcio e cloro con più efficacia rispetto al TCP. È presente un meccanismo di trasporto attivo di ioni verso l’esterno dell’ansa, che per l’elevata concentrazione osmotica esterna richiama efficacemente acqua. Nell’ansa di Henle si ha il recupero di tutte le sostanze nutritive, del 85% dell’acqua e più del 90% di cloro e sodio. Il rimanente passerà attraverso il tubulo contorto distale, o TCD, che presenta funzioni diverse rispetti agli altri due segmenti: quest’ultimo infatti non riassorbe ma secerne ioni, acidi ed altre sostanze sotto il controllo delle ghiandole surrenali.

Vascolarizzazione: arteria renale (collaterali), arteria segmentale, arterie interlobari(che si insinuano fra le piramidi), arterie arcuate (che si portano nella zona corticale del rene), arterie interlobulari (fra i glomeruli renali), arteriole afferenti (glomerulo), arteriole efferenti, capillari e vasa recta, venule, vene interlobulari, vene arcuate, vene interlobari, vena renale (collaterali)e quindi vena cava inferiore.

URETERI
Raccolta dell’urea dai grandi cailici renali. Sono retroperitoneali e si svuotano inferioposteriormente nella vescica(sbocchi ureterali) senza attraversare il peritoneo.

VESCICA
Organo muscolare cavo che presenta una mucosa epiteliale tipica: urotelio. La regione delimitata dagli ureteri che si svuotano nella vescica e aneteriormente dall’uretra viene chiamata trigono vescicale atta, grazie alla forma di imbuto, allo svuotamento della vescica durante la contrazione della stessa.

URETRA
Nella femmina l’uretra è molto breve, 3-5 cm. Nel maschio è lunga 18-20 cm e può essere suddivisa in tre zone: prostatica, uretra membranosa(quella che buca il diaframma urogenitale) e uretra peniena(da dopo il diaframma pelvico fino….). In entrambi i sessi nella zona in cui l’uretra passa il diaframma pelvico è localizzato un muscolo striato chiamato sfintere uretrale esterno.