Questo sito contribuisce alla audience di

Trasporti turistici per persone disabili....

A TORINO IL PRIMO BUS CON 4 POSTI DEDICATI

Presentato insieme a una carrozza ferroviaria storica restaurata, con possibilità di sistemare in sicurezza sino a 10 carrozzelle

La carrozza restaurata grazie all’impegno del Gruppo Amici del Treno di Torino

Le iniziative testimoniano l’impegno di GTT nell’anno europeo delle persone disabili

Sono state presentate da GTT, nella suggestiva cornice dell’ex stazione Torino-Ceres di corso Giulio Cesare, due iniziative per agevolare la mobilità a fini turistici e ricreativi delle persone in carrozzella: una carrozza del treno storico e un autobus “Gran Turismo”.
Nell’”Anno europeo delle persone disabili”, GTT, in stretta collaborazione con la “Consulta per le Persone in Difficoltà”, ha voluto dare un contributo per consentire momenti di svago per le persone disabili, utilizzando i mezzi di trasporto pubblici. Da anni ormai GTT è impegnata per rendere facile e confortevole l’uso dei propri veicoli: un esempio è rappresentato dagli oltre 400 bus e tram con pavimento ribassato, pedana mobile e posto attrezzato per ospitare disabili in carrozzella. Ma ecco le iniziative presentate oggi.

Autobus Gran Turismo attrezzato per il trasporto disabili





Per la prima volta in Italia un autobus Gran Turismo può ospitare al suo interno 4 persone con carrozzella.
Si tratta del bus IRIZAR CENTURY 12.37, motorizzato SCANIA, acquistato da GTT (costo 255.000 Euro) che da oggi può essere noleggiato per gite o viaggi turistici presso la ditta Menini a cui è stata affidata la gestione. L’allestimento esterno è stato realizzato dall’artista Ugo Nespolo che ha già decorato 4 autobus GTT adibiti al noleggio.
Le particolari caratteristiche del veicolo sono state definite anche con i preziosi suggerimenti dell’Associazione “Consulta per le Persone in Difficoltà”. L’accesso alle carrozzelle è garantito dalla parte posteriore dell’autobus per mezzo di una speciale pedana a sollevamento oleo-pneumatico. Il bus è omologato per ospitare contemporaneamente e in tutta sicurezza, grazie agli appositi ancoraggi, fino a 4 carrozzelle.






Altre 8 poltrone sono realizzate con particolari accorgimenti per portatori di handicap: sono infatti attrezzate con cinture a “3 punti” che garantiscono maggiore protezione, dotati di origliere (poggiatesta anche laterali) e speciali divaricatori per le gambe.
I posti complessivi sono 51 e il comfort garantito ai passeggeri è il massimo per un Gran Turismo: aria condizionata, toilette, 2 televisori con videoregistratore, radio, navigatore satellitare.
La carrozza ferroviaria storica BH203

La carrozza ferroviaria denominata BH203è stata data in affidamento dalla ex SATTI al GATT (Gruppo Amici del Treno di Torino) e fa parte dei treni storici del Museo Ferroviario Piemontese. Può ospitare 10 carrozzelle, insieme agli accompagnatori, che durante il viaggio sono sistemate in sicurezza tramite un sistema di ancoramento e di guide che bloccano le ruote. L’accesso delle persone disabili è garantito da due pedane mobili, una per parte della vettura, che consentono la salita e la discesa delle persone in carrozzina in modo completamente autonomo. Fino agli anni ‘60 era utilizzata sulla linea Torino-Ceres della SATTI, poi entrò a far parte dei treni storici e nel 1985 furono montate le pedane per consentire l’accesso alle persone disabili. Nel 2000 iniziò un intervento di riqualificazione grazie all’impegno del GATT e al contributo (pari a circa 80.000 ) degli Assessorati alla Cultura di Regione Piemonte e Provincia di Torino. L’intervento è consistito, oltre che nell’adeguamento alle normative attuali di circolazione, nel miglioramento del comfort e nella rimessa in ordine di illuminazione e servizi igienici.