Questo sito contribuisce alla audience di

Ipertensione

Fattori a rischio

L’ipertensione viene definita come il “silent killer” ( killer silenzioso ) , perché molte persone convivono con questa malattia senza accorgersene.

Elevati valori pressori possono causare ictus ( vedi Ictus.net ) , infarto miocardio , ( vedi InfartoMiocardico.net ) , insufficienza cardiaca ( vedi ScompensoCardiaco.net ) , o insufficienza renale.

L’ipertensione è definita come una pressione sistolica superiore a 140 mmHg e/o diastolica superiore a 90 mmHg.

Negli uomini l’ipertensione si sviluppa maggiormente tra i 35 ed i 55 anni , mentre nelle donne dopo la menopausa.

Le persone che presentano alti valori pressori dovrebbero assumere i farmaci antipertensivi e cambiare il proprio stile di vita.

Piccoli accorgimenti possono aiutare ad abbassare le pressione sanguigna:

- ridurre il peso corporeo;
- evitare di mangiare cibi grassi ed i fritti;
- nutrirsi di frutta e verdura;
- salare poco i cibi;
- evitare i superalcolici ;
- bere il vino in modo moderato ;
- fare esercizio fisico moderato , a cadenza giornaliera ( 30-60 min );
- eseguire tecniche rilassanti , anti-stress .

Il trattamento farmacologico deve essere continuativo.
I principali farmaci antipertensivi sono :
- i diuretici ( es. Clortalidone = Igroton ) abbassano la pressione sanguigna eliminando l’eccesso di liquidi e di sodio;
- i betabloccanti ( es Propranololo = Inderal ) agiscono riducendo la frequenza cardiaca e la gittata cardiaca;
- gli Ace inibitori ( es. Captopril = Capoten ) interferiscono con la produzione di angiotensina , un vasocostrittore;
- gli antagonisti del recettore dell’angiotensina II , detti anche sartani , ( es Candesartan = Ratacand ) impediscono all’angiotensina di esercitare i propri effetti vasocostrittivi;
- i calcioantagonisti ( es. Nifedipina = Adalat ) provocano un rilassamento dei vasi sanguigni.

Qualora i risultati antipertensivi non siano ottimali è possibile associare i vari farmaci.
Una delle associazioni più comunemente usate è quella tra un diuretico tiazidico ( es Idroclorotiazide ) ed un Ace inibitore ( es Enalapril ).

Recentemente sono stati pubblicati i risultati dello studio ALLHAT , che ha dimostrato che i diuretici tiazidici dovrebbero essere considerati farmaci di prima scelta nel trattamento dell’ipertensione. ( vedere Studio ALLHAT in Ipertensione.net ( Xagena ))