Questo sito contribuisce alla audience di

Maurizio Scelli non si candida.....

....alla Regione Abruzzo!


In merito ad alcune notizie di stampa circa una sua possibile candidatura alla Presidenza della Regione Abruzzo per la Cdl, il Commissario Straordinario della C.R.I. Maurizio Scelli respinge tale eventualità. “Escludo – dice Scelli - qualsiasi ipotesi di candidatura, sono abituato a fare una cosa per volta e bene. Ancora per qualche mese sarò impegnato a completare la riforma della Croce Rossa Italiana con l’approvazione del nuovo Statuto e la completa riorganizzazione dell’Ente, come da mandato affidatomi dal Consiglio dei Ministri. Ciò è quel che si aspettano da me i 300 mila volontari e 4 mila dipendenti della CRI che non posso tradire per ambizioni e opportunità personali. Pertanto sino a quando, tra pochi mesi, non avrò completato questo mio incarico di Commissario Straordinario con la celebrazione delle elezioni interne, attraverso le quali verranno eletti i rappresentanti a tutti i livelli della Croce Rossa Italiana, non potrò accettare alcuna proposta di carattere politico. Neutralità, Indipendenza ed Imparzialità sono tra i principi del movimento di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa che da sempre hanno segnato la mia attività ed ai quali non posso né voglio derogare. In virtù di questi principi ho sempre rifiutato persino l’ipotesi di una prossima candidatura a Presidente Generale della Croce Rossa Italiana, pur proposta in maniera unanime e più volte dai volontari, proprio per garantirmi uno svolgimento del mandato privo di qualsiasi condizionamento”.