Questo sito contribuisce alla audience di

L'omicidio di Attilio Manca, uno scomodo testimone?

Il giovane urologo siciliano residente a Viterbo è stato trovato morto il 12 febbraio del 2004. Sul suo omicidio "aleggia" la figura del super boss Bernardo Provenzano.

Era l’11 febbraio del 2004 e il giovane medico Attilio Manca, specializzato in urologia,originario di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina, era atteso a cena da un suo collega ed amico ma, a quell’appuntamento non si è presentato. E’ stato trovato morto il giorno dopo nella sua casa a Viterbo. Ad ucciderlo una iniezione letale.Su di un tavolo stranamente vengono ritrovati i suoi strumenti da lavoro, aghi e fili che, per abitudine , non portava mai a casa.

 

 I genitori hanno poi dichiarato che, il 10 febbraio del 2004, alle 20, Attilio Manca aveva mandato un messaggio ad un collega dicendo che sarebbe andato a Roma aggiungendo che non avrebbe dormito a casa perchè l’indomani doveva effettuare un intervento molto delicato. Chi doveva operare e dove? Nessuno l’ha mai saputo. Dell’urologo non si sa nulla fino alla scoperta del suo cadavere. Attilo Manca non ha più risposto al telefono dal 10 febbraio ma, verso le 9,30 del giorno seguente, fa una “strana” telefonata alla madre in Sicilia chiedendole di far riparare la sua moto custodita nella casa al mare, a Tonnarella, nel comune di Terme Vigliatore in provincia di Messina. Veramente una “strana” telefonata…. la moto è risultata in perfette condizioni e non aveva bisogno di alcuna riparazione. Allora che senso dare a questa richiesta. Era forse un messaggio che nessuno è riuscito a decifrare?.

 

Sull’omicidio del medico siciliano aleggia la sinistra ombra della mafia: i genitori del giovane urologolo credono che il figlio era stato ingaggiato dal superboss Bernando Provenzano bisognoso di cure specializzate dopo l’operazione alla prostata in Francia. Attilio Manca, dopo aver curato il pericoloso ed allora super latitante, è stato ucciso perchè testimone scomodo? Un mistero tutto da scoprire.

 

Lucia Criscuoli

Foto: Attilio Manca

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati