Questo sito contribuisce alla audience di

Le domeniche in costiera amalfitana.

Una estate da trascorrere alla scoperta dei luoghi più incantevoli della costiera amalfitana.

Le domeniche in Costa d’Amalfi è un calendario di 35 escursioni brevi in Costiera Amalfitana organizzate con scadenza settimanale nelle domeniche di tutto l’anno. Il programma si propone di recuperare il piacere fisico di fare una passeggiata, per veicolare un approccio attento e consapevole ad un territorio estremamente fragile e di difficile attraversamento.
Le visite si estendono sullo storico dominio dell’Antica Repubblica Marinara, il cui vasto territorio è segmentato in itinerari tematici, e integrano, quali porte di accesso al territorio, anche le aree di Vietri sul Mare e della Punta Campanella. Da questo punto di vista l’intera costiera è trattata come un unicuum geografico e culturale.
La storia e la caratterizzazione storico-culturale piu’ significativa del territorio inizia in epoca medievale con le vicende legate al sorgere dell’Antica Repubblica Marinara che si protraggono fino alla fine dell’ XI secolo. La potenza politica ed economica dell’antica Repubblica Marinara di Amalfi durò 200 anni – fra l’840 e il 1076 – ma Amalfi continuò a mostrare i segni della sua magnificenza fino al Rinascimento. Una repubblica le cui sorti sono indissolubilmente legate alle vicende della cittadina di Amalfi sede principale dei ricchi e intraprendenti commercianti e di uno dei quattro principali approdi marittimi insieme ad Atrani, Maiori e Minori. Si trattava di una Repubblica policentrica di tipo medievale dove ognuna delle città aveva una precisa funzione: Atrani sede della Corte Ducale, Minori sede degli Arsenali e centro di costruzione e manutenzione della flotta della Repubblica, Scala e Ravello, luogo di residenze aristocratiche e Maiori, Pogerola e Pontone sedi di guarnigioni militari. L’antico dominio della Repubblica comprendeva l’area che va da Cetara a Positano, con le Isole Li Galli e Capri e, nell’entroterra, Scala, Ravello, Tramonti da un versante e Agerola, Lettere, Pino, Pimonte e Gragnano dall’altro, spingendosi in parte fino al fiume Sarno e in territorio stabiano fino a Messigno e Le Franche nei pressi di Pompei.
Grazie a Le domeniche in Costa d’Amalfi, il turismo che sceglie la Costa troverà stimolo a visitare anche l’entroterra e ad approfondire la conoscenza sia dei poli di attrazione tradizionali, che degli elementi culturali, ambientali, storico-antropologici e produttivi minori dell’intero comprensorio. Fondamentale, in tal senso, la preziosa disponibilità e la validissima e competente collaborazione di autorevoli esperti e studiosi di università, centri culturali, associazioni, cooperative ed agenzie di settore, che ci accompagneranno nelle nostre passeggiate per tradurre il patrimonio di competenze, studi e ricerche sugli aspetti piu’ vari della realtà locale, in opportunità di arricchimento culturale per il pubblico dei partecipanti ed un’occasione di valorizzazione e tutela dei valori ambientali e culturali locali.
In sintesi il programma ha l’ambizione di proporsi come una mappatura del territorio, un grande catalogo antologico della costiera amalfitana, non certo esaustivo ma ben rappresentativo anche di località abitualmente non accessibili al pubblico.

Il calendario di Luglio Il calendario di Agosto

Ultimi interventi

Vedi tutti