Questo sito contribuisce alla audience di

Il caso del toro sterile

Nessun risarcimento se il toro è sterile. L'ha stabilito la Corte d'Appello di Salerno






UN TORO E’ TALE ANCHE SE E’ STERILE

SALERNO - Un toro è tale anche se sterile. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di appello di Salerno destinata probabilmente a fare giurisprudenza. La vicenda alla quale la sentenza si riferisce risale al 1989, quando un allevatore originario di Capaccio e in seguito i suoi eredi pretesero da un noto allevamento della zona un risarcimento danni di centinaia di milioni per l’acquisto di un toro destinato ad accoppiarsi con ben 63 bufale, ma che nei fatti risultò sterile.

Dopo il primo grado, nel quale il Tribunale di Salerno accoglieva il ricorso presentato per un ammontare di circa 12 mila euro, la Corte di Appello di Salerno, presieduta da Angelo Rossi, ha rovesciato il giudizio, accogliendo l’opposizione del ministero dell’Economia e delle Finanze che frattanto era subentrato all’azienda in liquidazione. Secondo Rosa Sergio, relatrice della sentenza, nonostante l’infertilità dell’ animale, “un toro resta tale pur in mancanza di capacità riproduttiva” ed esso “può trovare diverse e sia pure ridotte utilizzazioni, a cominciare dall’uso alimentare”.

Inoltre, sempre secondo la Corte di Appello di Salerno, l’acquirente avrebbe dovuto denunciare il vizio entro otto giorni dalla sua scoperta, pena la decadenza della garanzia. L’acquisto del toro avvenne nel marzo del 1989, mentre la contestazione del vizio fu eseguita solo ad ottobre. “E’ dunque evidente che la denunzia di sterilità è tardiva”. La Corte di Appello ha quindi accolto l’istanza presentata dall’Avvocatura dello Stato, legale rappresentate del Ministero dell’Economia e delle Finanze, e ha stabilito la compensazione delle spese tra le parti, comprese quelle relative alle consulenze tecniche.

Fonte: www.ansa.it

Ultimi interventi

Vedi tutti