Questo sito contribuisce alla audience di

I sapori della Pasqua maltese

I dolci fanno parte integrale della Pasqua nell'isola di Malta,&#nbsp; persino nel periodo quaresimale, quando bisognerebbe astenersi dalle tentazioni......

……. ma con qualche senso di colpa in meno, e qualche sotterfugio, si può. Tipici del periodo quaresimale sono i “cerchi degli Apostoli”, coperti di semi di sesamo e mandorle, il budino pastarjali, il karamelli tal-Harrub il cui ingrediente di base é la carruba, le brioches con al centro il segno della croce, che ricordano gli “hot cross burns” inglesi ed i famosi kwarezimal, che non contengono né grassi né uova e perciò sono permessi.

I figolli, sono i dolci di pasqua più conosciuti ed attesi, il loro nome pare che derivi dal siculo “figurelle” (perché hanno la forma di persone, animali o cose, proprio come i famosi pupi cull’ova conosciuti in Sicilia). Ripieni di pasta di mandorle con una copertura di glassa colorata essi racchiudono al centro un ovetto di Pasqua.
Nell’isola di Pantelleria, ci sono di “pasticciotti di Pasqua”, molto simili, semplici e tradizionali, vengono regalati per l’occasione a parenti ed amici e soprattutto ai bambini, il più delle volte vengono preparati in casa , ed anche questi hanno forma di agnelli, pesci, persone, cestini.

I figolli sono simbolici della Pasqua e come tali vengono persino benedetti.

kwarezimal, dolci quaresimali,

Ingredienti:

- 200 g di mandorle bianche (pelate),

- 200 g di farina setacciata,

- 250 g di zucchero raffinato o di canna,

- 1 cucchiaino da tè scarso di cannella,

- acqua di fiori d’arancio,

- le bucce grattugiate di un 1 limone, 1 arancia e 1 mandarino,

- miele e pistacchi o mandorle.

Esecuzione:

tostate leggermente le mandorle. Macinatele grossolanamente. Mescolatele con la farina, lo zucchero, la cannella, le scorze e un po’ d’acqua di fiori d’arancio. Aggiungete acqua q.b. sino ad ottenere un composto piuttosto duro. Impastate leggermente affinché risulti ben amalgamato e poi formate degli ovali approssimativamente di 17-18 cm di lunghezza, 5 di larghezza e 2 di spessore. Disponete il tutto su di una teglia imburrata e infarinata e cuocete in forno a 190 gradi per circa 20 minuti. Sfornate e, mentre sono ancora caldi, spalmatevi sopra del miele comprimetevi i pistacchi (o mandorle o nocciole) a pezzetti.

figolli, dolci pasquali farciti di pasta di mandorle,

ingredienti:

per la pasta

- 350 g di zucchero raffinato,

- 800 g di farina setacciata,

- 400 g di burro,

- la buccia grattugiata di 1 limone,

- 4 tuorli d’uovo sbattuti,

- miele e pistacchi o mandorle

per la pasta di mandorle:

- 600 g di zucchero raffinato o zucchero a velo,

- 2-3 albumi,

- la buccia grattugiata di 1 limone,

- alcune gocce di acqua di fiori d’arancio,

- 600 g di mandorle macinate (o farina di mandorle); per la copertura: glassa, glassa reale, ovetti di Pasqua.

Procedimento:

mescolate lo zucchero e la farina, incorporatevi il burro fino a ridurre il composto a briciole. Aggiungete il limone grattugiato e i tuorli, mescolati con un po’ d’acqua, e ottenete una pasta morbida. Lasciate riposare. Aggiungete lo zucchero, l’acqua di fiori d’arancio e la scorza di limone alle mandorle macinate e legate con gli albumi. Spianate la pasta e preparate le figure (due per ognuna, poiché in mezzo verrà messa la pasta di mandorle). Sistemate una figura sulla teglia imburrata e infarinata, spalmate con la pasta di mandorle, lasciando un piccolo margine all’intorno. Deponetevi sopra la seconda figura e comprimete i bordi, meglio se inumiditi, in modo che aderiscano. Cuocete a 200 gradi per 5 minuti, poi a 180 gradi per circa 20 minuti, finché la superficie non diventa dorata. Fate raffreddare sulla teglia. Una volta fredde, ricopritw le figure di glassa e poi decorate con glassa reale di diverso colore. Mentre la glassa è ancora morbida inserite nel centro un ovetto.

Ultimi interventi

Vedi tutti