Questo sito contribuisce alla audience di

Saddam a morte

E' stato condannato a morte il sanguinario dittatore dell'Iraq.

Recentemente, il terribile ex dittatore iracheno Saddam Hussein è stato condannato a morte. Sarà impiccato, forse tra poco, forse tra molto ma comunque con la sua esistenza finirà una durissima pagina della storia irachena.

Questo paese infatti è la culla dell’Islam sciita, osteggiato sia da Saddam sia dal suo partito poichè nettamente opposto allo sciismo, essendo il ra’is e i suoi seguaci di fede sunnita; tra i crimini di quest’uomo, le stragi di al-Dugail, villaggio sciita i cui abitanti furono sterminati perchè opposti al regime e l’operazione al-Anfal (titolo dell’ottava sura del Corano, lett. “il bottino”) che sterminò migliaia di curdi sul finire degli anni Ottanta, tutti gassati da Saddam e dai suoi pari.

L’Iraq post-Saddam dovrà necessariamente ripartire dagli sciiti, che considerano il paese come la “loro” terra (vi sono sepolti tutti gli imam, compreso ‘Ali) e forse nel futuro potranno avanzare anche pretese governative; sarà certamente dura, sarà difficile, l’Iraq del resto è uno stato molto complicato e governarlo non risulterà facile a nessuno.