Questo sito contribuisce alla audience di

Four Rooms (1995): progetto corale di Quentin Tarantino

Difficile a volte destreggiarsi tra i molti progetti portati avanti da Quentin Tarantino: le presentazioni, le collaborazioni, le consulenze, i camei. Prendiamo ad esempio il progetto Four Rooms nato dal[...]

Four Rooms Tarantino Roth

Difficile a volte destreggiarsi tra i molti progetti portati avanti da Quentin Tarantino: le presentazioni, le collaborazioni, le consulenze, i camei. Prendiamo ad esempio il progetto Four Rooms nato dal suo desiderio di realizzare un film collettivo (che doveva intitolarsi inizialmente Five rooms prima della defezione del regista Richard Linklater) al fianco di alcuni colleghi del Sundance Film Institute: la regista indipendente Allison Anders (Mi vida loca), il regista, sceneggiatore e produttore Alexandre Rockwell (In the soup) e l’amico fraterno Robert Rodriguez (Sin City). Tarantino - qui intenzionato a omaggiare la Nouvelle Vague - portò avanti il progetto con il proverbiale entusiasmo che lo caratterizza ma il risultato – oggi storicamente apprezzato – non suscitò la giusta risposta di critica e pubblico. E dire che anni dopo schiere di esegeti in tutta America e Europa si sarebbero occupati di sviscerare intenti, stilemi, citazioni (moltissime) e divertissement assortiti dei quattro registi portando ognuno degli episodi in cui è suddiviso il film allo status di cult da celebrare con attitudine feticista.

Collante fra le quattro storie – ambientate in altrettante camere dello stesso albergo – è il fattorino Ted (interpretato da un Tim Roth in versione Buster Keaton postmoderno) che si muove fra le diverse camere fino al crollo nervoso e al magistrale climax finale.

Il primo episodio: Honeymoon Suite - The Missing Ingredient scritto e diretto da Allison Anders vede un gruppo di streghe (tra cui una Madonna appena uscita dalle pagine di SEX) impegnate a sedurre Ted per carpire il suo sperma, ingrediente finale che riporterà fra noi la Dea a cui la congrega di steghe è devota. Fra citazioni d’antan come il burlesque à la Betty Page e effetti posticci multicolori Ted finirà per cedere alle lusinghe della strega designata a “prelevare” il materiale (una fragolosa pin-up interpretata da Ione Skye) e la congrega potrà così completare il proprio rituale.

Il secondo episodio: Room 404 - The Wrong Man diretto da Alexandre Rockwell vede Ted finire per sbaglio nel bel mezzo di un gioco pericolo fra due folli amanti (di cui Ted sconosce la matrice ludica). Il marito Siegfried accusa Ted di aver irretito la moglie (Jennifer Beals) tenuta per questo legata a una sedia dando vita a una sequela di dialoghi e sketch meravigliosi (come quella in cui Jennifer Beals inizia a ripetere tutti i sinomini più o meno pop della parola «pene»).

Il terzo episodio: Room 309 – The Misbehavers diretto da Robert Rodriguez è in assoluto quelle che preferisco per la quantità di dettagli e riferimenti inseriti, primo fra tutto la pulp story qui rivistata abbassando il punto di vista sui due demoniaci figlioli della coppia Banderas-Tomita. I due piccoli disgraziati passano tutto l’episodio a cercare di portare al tracollo nervoso il pover Ted che verrà infine ritrovato dai genitori in mezzo alla camera in fiamme con il piccolo impegnato a fumare e a guardare un canale porno in TV mentre il cadavere di una prostituta (palese richiamo al noir) campeggia in bella vista dopo il suo ritrovamento sotto il materasso.

Chiude l’omaggio di Tarantino alla storia di Roal Dahl Man from South ripresa da Alfred Hitchcock nella sua celebre serie Alfred Hitchcock Presenta. Qui un gruppo di buontemponi scommettono un’automobile e le dita di un amico mettendo un provato e ormai esaurito Ted al centro della riscossione. Indovinate come finirà?

La pellicola arriva in un periodo in parte difficile per Tarantino, allora accusato anche da amici e collaboratori come Roger Avary di plagio e scopiazzamento assortito. Da lì in poi Tarantino si prenderà una pausa di tre anni prima di tornare alla ribalta con il cult assoluto Jackie Brown.

Le categorie della guida