Questo sito contribuisce alla audience di

François Sagat icona Avant-pop

Abbiamo chiesto a Lorenzo Peroni - già curatore delle fortunate gallery dedicate a Lukas Ridgeston e Vincent Gallo - di spiegarci perché François Sagat (nei cinema con Homme au bain e L.A. Zombie) è un'icona Avant-pop. Ecco cosa ci ha detto.

immagini dell'attore François Sagat
François Sagat è un pornoattore.
Bella scoperta direte voi.

Ma non è questo il punto, l’apologia della pornografia già l’han fatta altri e non è questo il luogo. Ché io di farla non c’ho voglia tra l’altro.

C’è di più: François Sagat è un’icona pop!, anzi, Avant-pop; ma non come Cicciolina per la sua storia da film della serie “vite spezzate” del ciclo estivo di Canale 5, o come Moana perché… morta. E non lo è nemmeno come Rocco, sempre che qualcuno voglia definirlo un’icona pop (avant no di sicuro).

E Sagat non lo nemmeno è non in quanto fa furesta (nell’accezione relativa al modo di dire che significa “che suscita forti pulsioni sessuali”) in quanto questa è cosa ovvia e scontata (altrimenti nella vita magari avrebbe fatto altro); no, François Sagat è un’icona Avant-pop perché è spiritoso.

Non molto alto (un pregio per i porno attori, ché in video sembrano così più dotati), pelle color caramello, fisico scolpito, scalpo tatuato, faccia da dolce tagliagole -”mio dolce tuareg non farmi aspettare […] rapiscimi portami a Tangeri”, come cantava la Vanoni- e un deretano di boro: Sagat è un’immagine assemblata, studiata e costruita per essere poi decostruita, ma sempre riconoscibile (e apprezzabile). François è un divo che gioca con la sua immagine: si presta all’opera d’arte, ai creativi e alla fantasia della creatività al di là del mondo prettamente pornografico; viene da una formazione germinata nel mondo della moda, e probabilmente è questo che gli da una visiona più ampia di cosa possa voler dire gestire, anzi, creare un’immagine. Sagat è un satiro salterino tra i frames delle proprie pellicole porno, di una ormai solida carriera, ed eterogenee evasioni in photoshoot ultra-pop e film d’autore; come, ad esempio, in Homme au bain di Christophe Honoré, con Chiara Mastroianni.

O nel nuovo film di Bruce LaBruce: L.A. Zombie, presentato di recente al Toronto Film Festival, non dopo aver creato scandali e alzato polveroni più o meno prevedibili e/o leciti, in cui la nostra porno icona diviene uno psycho zombie che vaga per L.A scopando a destra e a manca con cadaveri di cui poi si ciba; insomma, un po’ un mix tra “il Pranzo di Babette” e “il Cuoco, il Ladro, sua Moglie e L’Amante”, ma in salsa birichina.

E poi a Sagat piace Mariah Carey, più Avant-pop di così si viene.

Lorenzo Peroni.

immagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagatimmagini dell'attore François Sagat

Le categorie della guida