Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Oro rapace di Yu Miri (1998)

    L'estetica avantpop interpretata in Oriente da Yu Miri - scrittrice giapponese di origine coreana - che con il suo "Gold Rush" racconta dell'adolescente Kazumi per cui l’unica via di apprendimento è costituita dalla violenza efferata e lacerante, dai prodotti della sottocultura pop: (fumetti, videogame) o dai volumi di saggistica e manualistica.

  • Archetipi Avantpop: Picnic a Hanging Rock

    Lorenzo Peroni - questa volta in versione archeologo avantpop - recupera uno dei più preziosi archetipi dell'immaginario perturbante che oggi conosciamo grazie a serie come Twin Peaks, X-Files e Lost: signori e signore stasera recuperiamo Picninc a Hanging Rock.

  • Un viaggio con Francis Bacon di Franz Krauspenhaar (2010)

    Racconto per voce sola, flânerie intellettuale, composizione avantpop: definire Un viaggio con Francis Bacon di Franz Krauspenhaar è un gioco da “perimetro del lettore” a cui è lecito preferire[...]

  • Discorso fatto agli uomini dalla specie impermanente dei cammelli polari di Giuseppe Genna (2010)

    Discorso fatto agli uomini dalla specie impermanente dei cammelli polari di Giuseppe Genna: volume inserito all'interno del prezioso progetto editoriale di :duepunti edizioni, ZOO ||| scritture animali, collana che raccoglie testi di qualità prodotti da una rosa di scrittori italiani contemporanei qui cimentatisi con la forma del racconto lungo e il tema "animale".

  • Il Cimitero di Praga di Umberto Eco (2010)

    L'ultima fatica narrativa di Umberto Eco "Il Cimitero di Praga" ci conduce per l'Italia: da Torino alla Sicilia di Garibaldi e poi in Francia, a Parigi, per seguire la nascita di quello scellerato documento che sono "I protocolli dei Savi di Sion".

  • Mark Leyner: Autobiografia minima

    Il brano di Mark Leyner che chiude la lisergica raccolta di racconti Mio cugino, il mio gastroenterologo (1990), dove apprendiamo che Leyner incontrò il suo primo scoiattolo a West Orange, che le sue ex sono tutte delle avvocatesse (e la moglie« una brillante psicoterapista») e che ha studiato a Boulder dove insegna e lavora tuttoggi Mark Amerika.

  • Mio cugino, il mio gastroenterologo di Mark Leyner (1990)

    L’Avant Pop è il punto di non ritorno del postmoderno: è un “genere” che nasce dal mix di tutti i generi, con schegge impazzite di immaginario, e che non segue le regole della linearità narrativa, ma la struttura a finestre e cartelle di Windows. “Mio cugino il mio gastroenterologo” di Mark Leyner ci indica la strada. (Andrea Bruni).

  • Marco Visinoni su Imperial Bedrooms di Bret Easton Ellis

    Torniamo a parlare di Imperial Bedrooms di Bret Easton Ellis. Lo scrittore Marco Visinoni (Apocalypse Wow) ci descrive la materia di cui è fatta l'ultima fatica di uno degli scrittori che amiamo di più.

  • Imperial Bedrooms di Bret Easton Ellis (2010)

    Imperial Bedrooms ci riporta a Los Angeles insieme a Clay per ritrovare - a venticinque anni di distanza - Blair, Julian, Trent e tutta la fauna conosciuta fra le pagine di Meno di zero.

  • La strada di Cormac McCarthy (2006)

    Cormac McCarthy conduce il lettore in un mondo-metafora dove la biosfera non esiste più e l'uomo riacquista la sua condizione di homo hominis lupus. Ecco a voi "La Strada".