Questo sito contribuisce alla audience di

Fetish e neogoticismo

Ma che cosa è esattamente un Dungeon e cosa significa? Questa parola trae origine dal neogoticismo inglese del '600-'700.

Quasi sempre la parola Dungeon è associata al Fetish. Ma che cosa è esattamente
un Dungeon e cosa significa?

Questa parola trae origine dal neogoticismo inglese del ‘600-’700.

Il Neogoticismo è un movimento artistico/letterario che ebbe origine in Inghilterra
nel ‘600-’700 sulla base delle teorie romantiche di Russeaux sulla bellezza delle
rovine romane e medioevali abbandonate. Il termine: “Gotico” non è solo architettonico;
viene anche utilizzato in letteratura e nella poesia del periodo chiamato “età
oscura” (Dark Ages). Le opere composte in questo periodo raccontano storie dell’orrore,
di morte e di paura. In poche parole: Gotico esprime la ribellione contro la Ragione
(con la lettera maiuscola, ricordiamoci l’Illuminismo) e pone nuove paure nell’anima.
La Ragione infatti illumina tutto tranne che la morte. Vari autori fecero parte
del movimento neogotico: Robert Blair (1669-1746) scrisse “la tomba”, Thomas Parnell
(1679-1718) “Una notte di pace con la morte”…

La cosa principale di questi racconti era l’ambientazione esotica (Italia, oriente…)
in un periodo medioevale fantastico. Le rovine di vecchi castelli o luoghi simili
a labirinti creavano uno spazio chiuso delimitato (Dungeon) in cui una vittima
(spesso una giovane vergine) si trovava imprigionata e inseguita da un eroe malvagio
e quindi negativo (quasi sempre di origine soprannaturale). Il protagonista aveva
in se il fascino della malvagità e la sua oscura presenza si opponeva al conformismo
dei cavalieri senza macchia e definitivamente “buoni”.

Questo spiega perché in alcune ambientazioni Fetish si trovano atmosfere “gotiche”
(con colonne, candelieri e tende nere…). Il Dungeon è infatti un luogo chiuso
e isolato “dal mondo” al cui interno si consuma la passione erotica (in genere
sado masochista). Sebbene il Dungeon sia un luogo “fisico” più che altro rimane
uno “spazio mentale” in cui chi vi entra prova davvero le sensazioni descritte
nella letteratura neogotica.