Questo sito contribuisce alla audience di

E' estate... DIAMOCI SOTTO CON GLI AFRODISIACI

Sesso e cibo, un binomio classico e intramontabile. Dal corno di rinoceronte all'asparago, dalle ostriche al cioccolato, i prodotti che da secoli vengono considerati afrodisiaci sono numerosi.

Non so fa caldo… c’è poca gente in giro… strani pensieri in testa. Se ci si aggiunge anche gli afrodisiace allora le giorante saranno TORRIDE ;-)

Il primo indiziato è il corno di rinoceronte, ingrediente tradizionale della medicina cinese, il cui commercio è da tempo illegale. I fatto che il corno sia un evidente simbolo fallico, però, non serve a conferirgli la capacità di stimolare il desiderio sessuale, e mette solo in pericolo la sopravvivenza dei rinoceronti. Stessa sorte tocca alle ostriche, consumate in gran quantità anche da Casanova. Uno studio avrebbe dimostrato la loro capacità di accrescere i livelli di testosterone, tuttavia i dati sono ben lontani dal poter confermare le qualità afrodisiache di questi gustosi molluschi.

La cantaride, o mosca spagnola, fu resa famosa dal processo intentato nel 1772 al Marchese de Sade, che l’aveva fatta consumare ad alcune prostitute, avvelenandole. La cantaride, infatti, è tossica e non ha alcun effetto afrodisiaco. La cioccolata, che invece è buona e contiene sostanze in grado di dare una sensazione di benessere, non ha comunque la capacità di aumentare il desiderio sessuale. Quanto a banane, carote e asparagi, la risposta è oltremodo semplice: si pensa siano afrodisiaci solo perché hanno una forma fallica. Ci sono infine altri vegetali come il tribulus e la maca che avrebbero virtù afrodisiache, ma lo studio sulle loro reali proprietà è ancora allo stato iniziale.

Link correlati