Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • VISA difficili? No, impossibili !

    Per un Indiano, Bangladeshi o Pakistano, riuscire ad avere un visto regolare per venire in Italia è un'impresa veramente ardua. Se non impossibile. Ci sono professionisti, studenti, esperti, terapeuti, insegnanti, artisti ecc. ecc. che per visitare l'Italia o venire a fare una conferenza devono votarsi non solo a qualche santo o uno delle tante forme di Dio indiane, ma scomodare tutto il pantheon hindu oppure i vari Buddha o Hallah stesso, a seconda dei vari credi. Eppure sono professionisti che nel loro paese hanno un lavoro, una famiglia e che stanno bene nel loro paese. Vengono in Italia per diffondere la loro artte, il loro sapere e magari anche per riuscire a ottenere un prestigio che consenta loro di esse apprezzati e raggiungere un benessere maggiore nel proprio paese. Quindi per loro niente VISA... ma per altri... i clandestini, quelli sì. Loro ce la fanno ad arrivare in Italia, con grandi sacrifici sì, ma ce la fanno...

  • Ritrovamento archeologico sorprendente!! sarà una bufala?

    Solo un piccolo articolo sul Hindu Voice di Madras riguardante un presunto reperto archeologico trovato nel nord India che ha tutta la parvenza di una "bufala". Ma siccome non si può escludere nulla, se fosse autentico, confermerebbe il mito, la leggenda raccontata nel Mahabharata, l'esteso poema epico che racconta la storia dell'India e delle sue dinastie. In quel periodo si racconta di questi giganti.....

  • Salario sensazionale per una ragazza del Kerala, India

    Per farsi un'idea del costo della vita in India e di come vengono pagati i lavoratori indiani, cito un articolo apparso su un quotidiano che mi è giunto da una comunità indiana stanziata in Saudi Arabia. Una curiosità degna di nota....

  • Tattoo indiani o mendi: Moda che viene dall’India

    Le donne indiane li usano per le cerimonie, celebrazioni e... per i matrimoni. Ma è una moda che sta affascinando anche l’Occidente. Mendi (Mehandi): è un termine indiano per indicare un tatuaggio temporaneo eseguito con henné naturale rosso

  • Il "dopo multiplo attentato" alle ferrovie di Bombay (Mumbai)

    Grande gesto di solidarietà alle persone colpite negli attentati di martedì scorso, da parte del Signor Somnath Julka, un imprenditore. Non aveva parenti né amici colpiti negli attentati di Bombay, ma Somnath Julka si è adoperato ad aiutare quanti poteva al Sion Hospital.