Questo sito contribuisce alla audience di

L'étoile, Edgar Degas, 1878

Le ballerine sono uno dei soggetti preferiti di Degas che a loro dedica non solo decine di tele ma anche numerose statue divenute anch’esse famosissime nel corso degli anni 70 dell'800.

L’étoile, Edgar Degas, 1878    In questa sua tematica sono diversi i punti interessanti: innanzitutto la ricerca della grazia espressa dalla fanciullezza delle ballerine, quindi l’espressione del movimento  nell’immediatezza del gesto ed infine lo studio di inquadrature nuove.
Si noti, ad esempio, nel quadro ‘L’étoile’, l’arditezza dello scorcio dall’alto che da all’immagine un fascino tutto particolare.

 

Della ragazza si vede una sola gamba, il che le da un aspetto del tutto instabile. Ma ciò aumenta la sensazione della dinamica in corso.
La sua figura non occupa il centro dell’immagine ma è chiaramente decentrata. Per quasi due terzi del quadro domina quindi il piano del palco, mentre la restante parte ci lascia intravedere parte delle scene dietro le quali si nascondono altre ballerine. Ma l’attenzione dell’osservatore è catturata tutta dall’istante in cui il movimento della ballerina si ferma in una posa di grande leggerezza e grazia.

 

Nelle tele di Degas le ballerine sono protagoniste non solo quando sono in scena, ma anche in momenti meno ‘ufficiali’ durante la lezione quotidiana di danza nello studio in quanto Degas dal 1872 inizia a frequentare il ridotto e la sala prove dell’Opera di Parigi.

 

Tecnica: Pastello su carta

 

L’uso del pastello da parte di Degas conferisce alle forme e volumi del corpo della ballerina un tocco molto soffice con l’uso del bianco con differenti gradazioni fino al grigio dai cui spiccano delle macchie di rosso per le roselline del tutù e i colori del trucco della ballerina.
Colori sfumati tanto da far disperdere il bagliore della danzatrice nella scena illuminata in primo piano. Sul fondo un sapiente gioco di ombra, dato da colori più scuri, ci suggerisce la confusione delle altre danzatrici dietro le quinte con tratti  veloci.

 

Di Elettra Cecilia

 

 

Ultimi interventi

Vedi tutti