Questo sito contribuisce alla audience di

La danza poesia incarnata

La danzaterapia e Maria Fux, storie di arte e diversabilità, articolo di Elettra Cecilia

maria fux

Maria Fux , danzatrice, coreografa ed insegnante argentina, scopre la fondamentale relazione tra poesia e danza “nel fondo una stessa espressione: poesia trascritta in un corpo” e parla di quella relazione con queste parole: “Ho avuto l’idea della risposta che un poeta ed una ballerina ricevono quando stanno uniti in un medesimo messaggio vedrai che può essere capito da tutti”.

E’ che in fondo entrambe le espressioni –poesia e danza- hanno una radice comune. Cos’è la danza? Poesia incarnata negli intimi impulsi di un corpo, nei suoi ritmi e gesti. Cos’è la poesia? Il flusso imponderabile che fa nascere immagini all’unione mobile delle parole che creano la metafora. Con tutto, l’enigma della sua nascita continua intatto ….

La danza non deve essere solo un privilegio di quelli che si dicono “dotati”, ma deve essere impartita nell’educazione comune come una materia di valore estetico, sottolinea Maria Fux, di valore formativo, fisico e spirituale, con la capacità e la possibilità di cercare la creazione di ognuno in accordo con lo sviluppo che l’individuo ha nei confronti di se stesso e dello spazio.

Attraverso le diverse tappe educative: dall’asilo nido alle università, si può sviluppare questa idea e canalizzare la danza come un linguaggio in più nell’educazione. Il linguaggio verbale e la scrittura sono di certo fondamentali, ma a volte risultano insufficienti.

Danzare quindi non è un ornamento all’educazione, ma un mezzo parallelo ad altre discipline che contribuiscono a formare nell’insieme l’educazione dell’uomo. Realizzandola in modo integrativo nelle scuole d’insegnamento comune, come una materia formativa in più, ritroveremo un nuovo uomo con meno paure e con la percezione del suo corpo come mezzo espressivo in relazione con la vita stessa .
Il movimento e la possibilità di stimolarlo con la musica, la parola o il silenzio esprime nello spazio la psicologia profonda dell’individuo.

I gruppi con cui lavora Maria Fux sono eterogenei e stimolati ad un incontro che produce liberazione e allegria. La nostra società risulta alienante, sottolinea la Fux, per il cumulo di tensioni, di difese, di rifiuti che sperimentiamo nella vita e che fanno contrarre il nostro corpo per affrontarle.

La danza e il movimento, incarnati nella creatività che tutti hanno, aiutano ad una prevenzione terapeutica da realizzare ogni giorno . Le classi con cui la Fux fa danza-terapia sono integrate ed eterogenee e vi si possono trovare adulti schizoidi, oligofrenici, epilettici, con deficit di intelligenza, non udenti e non vedenti e non sono isolati ma integrati con gruppi di persone normodotate .

Di Elettra Cecilia

Maria Fux

Maria Fux
Maria FuxMaria FuxMaria FuxMaria FuxMaria FuxMaria Fux

Ultimi interventi

Vedi tutti