Questo sito contribuisce alla audience di

Storia della Musica Araba

La cultura araba preislamica...

Da sempre i popoli arcaici hanno scelto di tramandare le proprie vicissitudini attraverso il canto e racconti a memoria, piuttosto della parola scritta. Forse per mancanza di supporti su cui scrivere, forse per evitare segni tangibili che portassero l’oblio.

Questa cultura araba preislamica viene identificata con il nome “Jahiliyya” (ovvero ‘Ignoranza dalla parola di Dio’), chiamata così dai dotti Musulmani per identificare una cultura in netta contrapposizione con il pensiero del profeta Muhammad.

Le prime testimonianze del patrimonio letterario arabo risalgono all’inizio del 500 d.c. nella Jazirat al Arab (l’attuale penisola araba). Sono poesie talvolta anche molto lunghe, dotate di metrica e rigore stilistico.

Ad esempio le Mu’allaqat (‘appese’) sono 7 canti di poeti differenti, letteralmente ‘appese’ con caratteri dorati sopra il tempio della Ka’ba alla Mecca. Sono “Qasidat”, cioé componimenti di memorie, simili ai miti greci, che venivano tramandati di generazione in generazione. Trattano di principi, guerrieri valorosi, guerre…

Il poeta tedesco Goethe raccolse questi canti nel suo libro “West Diwan”.

Il compito del poeta era semplicemente quello di raccogliere e versificare componimenti preesistenti nel patrimonio collettivo. Egli si esibiva alle feste pagane, spesso accompagnato dal suono del Liuto.

Continua..

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • felisia

    18 Jun 2010 - 18:05 - #1
    0 punti
    Up Down

    è molto interessante…………. sopratutto per la ricerca che mi servirebbe….complimenti

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti