Questo sito contribuisce alla audience di

Due stages di teatro-danza a Milano

I due stages avranno luogo nei mesi di luglio e settembre. Il primo si svolgerà dal 14 al 18 Luglio, il secondo dal 23 al 28 Settembre

Primo stage: Il Viaggio di Dedalo Teatro - Seminario introduttivo di recitazione e teatro-danza
Condotto da Roberto Fossati e Sandhya Nagaraja
dal 14 al 18 Luglio 2003

Il seminario sarà un’introduzione alla ricerca creativa che Dedalo ha sviluppato nel corso della sua attività. Attraverso tecniche di rilassamento, improvvisazioni guidate, studio di semplici coreografie, Sandhya e Roberto proporranno un lavoro introduttivo sullo studio del movimento, del gesto e della voce, nella danza e nel teatro. Quali differenze e somiglianze tra movimento della danza e gesto teatrale? Come è possibile rendere naturali i passi di una coreografia e attraverso quale processo la forma pura di un movimento diventa un tutt’uno con la sua intima teatralità? Come accade che un gesto quotidiano, una parola, diventi gesto teatrale, e che questo a sua volta si trasformi in una meravigliosa danza? Attraverso gli esercizi di training nati dall’esperienza di Dedalo, Sandhya e Roberto guideranno gli allievi in un percorso che procede dall’apprendere una tecnica, di danza o di teatro, al poterla usare e trasformare creativamente.

Il seminario sarà diviso in due parti:
la prima, di teatro-danza, sarà guidata da Sandhya
la seconda, di recitazione, sarà guidata da Roberto

Contenuti del seminario:
Rilassamento e riscaldamento
Training
Tecniche di improvvisazione, improvvisazioni guidate, creazioni di scene
Studio di semplici sequenze coreografiche
Studio di base sulle scene teatrali

Secondo stage: L’essere scenico - Seminario di Teatro-danza
Condotto da Antonella Bertoni e Michele Abbondanza
Dal 23 al 28 Settembre 2003

Insegnare, far passare dei segni. Da corpo a corpo. Alla maniera dell’arte: tendenziosamente. Un modo di fare scuola strettamente legato al palcoscenico, inteso come luogo di azioni e di sentimenti, nel tentativo di un sentire alto e altro.
Divisione generale dell’incontro: Tecnica (interpretazione) e Laboratorio (creazione).
TECNICA:
Introduzione - Za zen, la danza immobile. Studio della stasi.
Azione: l’uso di codici coreografici inteso come mezzo e non come fine. Da esercizi di base per il “piazzamento” (a terra e in piedi) alla definizione e all’approfondimento di una sequenza di movimenti.
LABORATORIO:
L’essere scenico: l’azione neutra.
Presentazione: l’azione scenica come disposizione ed offerta.
Improvvisazione: dall’intuizione all’esecuzione. Pensare con il corpo. L’ascolto.
Composizione: dall’esecuzione, attraverso la memoria, alla creazione (opera finita e ripetibile).
Epilogo: Kin hin (il passo del ladro). Studio della mobilità.

Nota: munirsi di uno spesso cuscino (zafu).

Associazione Culturale Dedalo
Via Ariberto 25, 20123 Milano (MM2 S. Ambrogio)
tel. e fax 02 58114589
info@dedalo.org

Ultimi interventi

Vedi tutti