Questo sito contribuisce alla audience di

"Le nuvole": Il lato A e i bronzi di Versace

Riascoltando L'album "Le Nuvole" del 1990...Canzoni di denuncia, ma non solo: canzoni che colpiscono nel segno, tanto da essere profetiche...

Nel 1990 esce l’album “Le nuvole” disco “bifacciale”. Strano omaggio, forse inconsapevole, al vinile, il 33 giri (composto appunto da due facciate, A  e B) che sarebbe scomparso di lì a poco.. Bifacciale perchè con il Long Playing si poteva ancora disporre di due “tematiche”, e cosi ha fatto Fabrizio..  Ecco quindi la prima parte, il Lato A, con tematiche note e “care” a Faber, canzoni di protesta? Forse. Sicuramente canzoni di amara denuncia di chi guardava già oltre. Il Lato A di questo disco ha il pregio di essere addirittura di carattere premonitore: “..Cronache di minacciose di mare e nuvole nere all’orizzonte”, ed era vero.
 
Col passare dei mesi ci saremmo accorti che l’Italia era diventata un’immensa mangiatoia, il “poeta della Baggina” aveva inaugurato la città di Tangentopolil’avere avrebbe preso il sopravvento su l’essere…E le vibranti proteste? Solo un suono, il rumore assordante, fine a se stesso, delle cicale, dei finti ambientalisti alla moda e dei cittadini cosidetti perbene che nella loro “happy hour” non vorrebbero “spargimenti di sangue e di detersivi“, non distinguendo l’uno dall’altro…Sono gli anni in cui si capestano gli ideali , il cadavere di Utopia portato in processione delinea lo sfaldamento delle ideologie, del loro fallimento, e poi i profeti della pace, ben attenti a tenere e mantenere il loro cannone nel cortile. E’ l’inizio dell’era delle cosidette ” guerre preventive” attuate nel nome della Pace.
 La classe rampante si esibisce nei palastilisti, i “Bronzi di Versace”, figli di papà già capaci di giocare in borsa e di stuprare in corsa. Naturalmente griffati. Nuvole nere all’orizzonte che ci hanno oscurato il cielo, e non sono più andate via.