Questo sito contribuisce alla audience di

Come si può imparare a individuare i profumi del vino

Il primo passo è quello di risvegliare l’olfatto, senso per lo più abbandonato, cercando di memorizzare il profumo di tutto ciò che capita sotto il naso.

Il primo passo è quello di risvegliare l’olfatto, senso per lo più abbandonato, cercando di memorizzare il profumo di tutto ciò che capita sotto il naso. Oltre a rimettere in funzione piccoli organi un po’ sopiti, si arriverà a costruire un po’ alla volta un archivio pieno di dati, che in questo caso coincidono alle molteplici sfumature odorose dei vini.
Fiori freschi e secchi, frutti di colore e origine diversi, freschi, in confettura o essicati, erbe aromatiche, spezie, accessori in cuoio e pellame, smalti e cere, derivati del petrolio e medicinali. Può apparire strano, anzi impossibile, tuttavia sono tutti i profumi che si possono scoprire in un vino.

In vendita esistono delle valigette comprendenti decine di bottigliette di essenze, che possono essere di aiuto per giocare un po’ con i profumi, sentire per la prima volta quelli sconosciuti, trovare conferma con quelli già noti.

Tali essenze sono concentratissime, perciò molto intense e purissime, non mescolate ad altre.

Nel vino, al contrario, le sostanze odorose sono meno concentrate e potrebbe essere in parte celate da altre componenti, cosa che rende più difficile la percezione chiara e distinta di ogni singolo profumo.

Il secondo passo per imparare a riconoscere i profumi è quello di degustare tanti vini, per provare a distinguere i singoli sentori, che un po’ alla volta diventeranno familiari.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • EVT

    15 Jan 2011 - 11:08 - #1
    0 punti
    Up Down

    dove si possono trovare queste valigette con i profumi?