Questo sito contribuisce alla audience di

Gli stadi dell’esame olfattivo

L’esame olfattivo è il più intricato di tutta la degustazione, non perché richieda una tecnica più approfondita e completa, ma perché non è facile individuare i profumi del vino. E’ pertanto fondamentale realizzarlo con la massima attenzione.

L’esame olfattivo è il più intricato di tutta la degustazione, non perché richieda una tecnica più approfondita e completa, ma perché non è facile individuare i profumi del vino. E’ pertanto fondamentale realizzarlo con la massima attenzione.

Prima inspirazione
Il calice viene preso dalla base, per tenere la mano maggiormente lontana dal calice, evitando che possibili profumi della mano interferiscono con quelli del vino.
Si avvicina il calice al naso, e a vino ancora fermo si inspira intensamente.
In questo modo ci si fa una primo parere dell’intensità del profumo del vino e della sua evoluzione, trovando una conferma o una smentita alle ipotesi formulate durante l’esame visivo.

Rotazione del bicchiere
Il bicchiere viene allontanato dal naso, lo si depone su una superficie piana, lo si fa ruotare piano, una volta in un senso e una volta nell’altro senso. Incrementando la superficie a contatto con l’aria e creando uno scontro tra le sostanze volatili, si accresce notevolmente la gamma di profumi percepibili dall’attento degustatore.

Successive rotazioni
In un secondo tempo si ruota il calice con più forza prima in un verso, poi nell’altro, In maniera da ricreare quella magica esplosione di profumi sopra descritta, e lo si porta ripetutamente al naso, a brevi intervalli, per non incorrere in una possibile assuefazione ai profumi.

Successive inspirazioni
Il calice viene avvicinato ancora al naso e si inspira profondamente, per pochi secondi.
Le inspirazioni sono continuamente profonde, alternate tra la narice destra e la narice sinistra, per ridurre ulteriormente il pericolo dell’assuefazione.
In tale fase si valuta la complessità del profumo del vino e, alla fine, la sua qualità.

A tale punto l’esame olfattivo vero e proprio si può considerare concluso. Si ricorda tutavia che l’olfatto e gusto agiscono in sinergia, effetto che apparirà determinante durante la fase finale dell’esame gusto-olfattivo, nella valutazione della persistenza aromatica intensa.

Prima inspirazione

Prima inspirazioneRotazione del bicchiereSuccessive inspirazioniSuccessive rotazioni