Questo sito contribuisce alla audience di

La "concubina" dell'imperatore Hsien Feng: Tzu-Hsi (1835 - 1908) - Seconda parte

Nell’aprile del 1900, tutte le forze occidentali sono in allarme al giungere delle notizie sconvolgenti provenienti dalla Cina, ben undici potenze inviano le loro truppe per soccorrere le proprie[...]

Tsu HziNell’aprile del 1900, tutte le forze occidentali sono in allarme al giungere delle notizie sconvolgenti provenienti dalla Cina, ben undici potenze inviano le loro truppe per soccorrere le proprie missioni e ambasciate. Stati Uniti, Germania, Austria-Ungheria, Belgio, Spagna, Francia, Inghilterra, Giappone, Olanda, Russia zarista e Italia, organizzano spedizioni di rinforzo e schierano le loro imponenti forze al largo del porto di Taku, nei pressi di Tientsin, per convincere il governo Manciù a stroncare immediatamente la rivolta che già sta causando migliaia di vittime tra i loro connazionali residenti nelle provincie settentrionali.

Il 21 maggio il corpo diplomatico occidentale presenta al governo di Pechino un ultimatum: o si procede all’immediata repressione del movimento clandestino oppure la Cina sarà invasa. Al contingente armato si aggiungono ulteriori rinforzi giapponesi, mentre sedici navi da guerra armate di tutto punto compiono una dimostrazione militare nel golfo del Chihli.

Il 6 giugno gli alleati sbarcano a Taku un forte contingente di truppe e il 10 giugno il vice-ammiraglio inglese Seymour, parte alla volta di Pechino alla testa di un distaccamento di 2000 soldati armati di cannoni e mitragliatrici, ma è costretto a ripiegare su Tientsin per l’accanita resistenza dei Boxer; solo il 17 giugno le armate interventiste riescono a occupare il forte di Taku.

Contadini in rivolta intanto appoggiano il movimento dei Boxer e ostacolano l’avanzata dell’esercito occidentale, le troppe tasse e gli anni di malgoverno da parte dei proprietari terrieri e delle autorità delle provincie hanno esasperato la popolazione, che appoggia l’insurrezione con la speranza di liberarsi in un sol colpo degli imperialisti occidentali, dello strapotere della dinastia Manciù e dell’antiquato sistema di vassallaggio feudale.

Mentre la popolazione e i rivoltosi contrastano l’avanzata dell’esercito nemico, i reparti dei Boxer acquisiscono sempre maggior forza, debolmente contenuti dal fiacco reparto militare governativo. Presto ai vertici del potere si ha un ribaltamento politico e nell’estate del 1900 gli alti esponenti della dinastia Manciù optano per un voltafaccia improvviso e stabiliscono di appoggiare la rivolta dei Boxer, ufficializzandola, con l’intento di scacciare una volta per sempre gli scomodi invasori occidentali e ristabilire il proprio incontrastato dominio nel Paese.

È l’imperatrice Tzu-Hsi ad inviare l’ordine segreto ai comandanti delle truppe e ai governatori delle province perché cessino immediatamente le operazioni contro i Boxer, volgendosi in armi contro le forze armate alleate. Il 21 giugno, forte dell’arrivo di un imponente distaccamento di truppe di ribelli alle porte di Pechino, l’imperatrice dichiara guerra alle potenze straniere facendo correre di provincia in provincia la disposizione di organizzare truppe di volontari e di costituire reparti speciali in grado di operare “per la difesa dalle offese straniere”.

Timorosa comunque che la forza dei Boxer possa poi rivolgersi contro di lei, Tzu-Hsi dispone perché a questi sia vietato l’uso delle armi da fuoco, dissuadendo i rivoltosi dall’attaccare sia le sedi diplomatiche che le truppe interventiste. In questo modo l’obiettivo privilegiato dei ribelli diventano le aziende agricole, economiche e commerciali e le missioni religiose sparse in tutto il territorio.

Correnti interne sfavorevoli all’imperatrice auspicano intanto la vittoria delle truppe alleate e la caduta del governo Manciù, avviando in parallelo trattative segrete con il nemico per il ripristino di un ministero a impronta puramente tradizionale. Anche l’alta aristocrazia e la media borghesia disapprovano la presa di posizione di Tzu-Hsi e temono che l’avventata dichiarazione di guerra possa condurre il Paese alla rovina, liquidando l’insurrezione dei Boxer come un moto rivoltoso passeggero e di scarsa rilevanza, fomentato da contadini e artigiani facilmente riconducibili alla ragione.

Intanto un’ulteriore associazione sotterranea, la “Società per la difesa dell’imperatore”, trama per ripristinare sul trono Kuang Hsü, il nipote dell’imperatrice, allontanato da lei, due anni prima, dal trono in quanto il giovane vuole modernizzare l’immenso Paese con l’aiuto delle potenze occidentali. Per questo, Tzu-Hsi lo dichiara folle e lo relega ad un ruolo puramente subalterno, anche se i rappresentanti dell’aristocrazia e della ricca borghesia auspicano un suo provvidenziale ritorno alla guida della Cina.

Temendo per le ambasciate straniere assediate a Pechino, le forze alleate inviano sempre nuovi contingenti e nel conflitto intervengono anche ulteriori rinforzi da parte dell’impero austro-ungarico, portando il contingente totale a una forza di oltre 40 mila uomini. L’esercito alleato marcia da Tientsin verso Pechino, radendo al suolo, depredando e bruciando tutto quello che trova lungo il suo cammino.

Intere provincie vengono distrutte. Il 14 agosto la marcia trionfale si chiude con l’occupazione di Pechino, sottoposta a un imponente saccheggio e a un bombardamento senza sosta, che causa migliaia di vittime. Quando le truppe si ritirano, vittoriose, lasciano in Cina un contingente tedesco di 20 mila uomini al comando del feldmaresciallo Waldersee, che s’incarica di sedare la rivolta con feroci e sanguinose repressioni.

Nonostante i reparti militari delle provincie ribelli siano già stati sconfitti e dispersi, il comando alleato continua la sua rappresaglia nei confronti della popolazione inerme, saccheggiando e depredando risorse naturali, generi alimentari e preziosi reperti dell’antica arte e cultura cinese. Intanto, al tavolo delle trattative, le varie potenze imperialiste intervenute nel conflitto, programmano di spartirsi le numerose provincie della Cina.

Prevedendo l’inevitabile sconfitta, prima che le truppe alleate invadano Pechino, la corte Manciù, con l’imperatrice Tzu-Hsi in testa, si ritira precipitosamente, mettendosi in salvo prima a T’aiyüan e poi a Sian, mentre compie l’ennesimo volta faccia dando ordine alle truppe governative di collaborare con gli invasori nel soffocare l’insurrezione popolare. Nonostante siano traditi e abbandonati a se stessi i Boxer danno prova ancora di una fiera resistenza, combattendo strenuamente fino alla fine. Compiendo attività di rappresaglia e di guerra partigiana, continuano a sferrare attacchi e attentati contro le roccaforti del nemico sia a Pechino che a Tenstsin. Ancora attivi in tutta la Cina nord-orientale emanano proclami fino all’autunno del 1900, nelle città e nelle campagne fino al bacino dello Yangtze.

Diverse altre provincie insorgono, dando appoggio ai rivoltosi e facendo fallire, di conseguenza, i piani di spartizione delle forze alleate. La dinastia Manciù nomina Li Hung Chan perché tratti una resa onorevole e che consenta la conservazione del potere per l’attuale governo. Il 7 settembre 1901 viene firmato il protocollo conclusivo noto come “Protocollo dei Boxer”, che condanna la Cina al pagamento dell’enorme indennizzo di 980 milioni di liang d’argento, circa 333 milioni di dollari, da saldarsi in 39 anni, intima la perdita dell’introito proveniente dalle tasse di tutto il Paese, che passano sotto l’amministrazione straniera, e obbliga il governo a soffocare ulteriori rivolte sul nascere, consentendo nel contempo alle truppe straniere di stazionare a oltranza sul territorio.

Nel dicembre del 1900, Lenin scrive sul primo numero della rivista “Iskra”: «Potevano i cinesi, non odiare degli uomini che erano giunti in Cina solo per il profitto, che si servivano della propria civiltà solo per l’inganno, il saccheggio e la violenza, che conducevano una guerra contro la Cina per ottenere il diritto di commerciare l’oppio, che coprivano ipocritamente la politica del saccheggio con la diffusione del cristianesimo?».

All’inizio del XX secolo, l’era del Celeste Impero è ormai terminata e Tzu-Hsi, l’ultima grande imperatrice della storia, con il fallimento della sua politica oltranzista e xenofoba sancisce l’ormai inevitabile trasformazione della Cina in una potenziale colonia delle potenze imperialiste. Costretta ad abdicare, l’ultima imperatrice assiste impotente alla sua disfatta e all’alba di una nuova epoca. Solo nel 1908 il debito contratto dalla Cina viene in parte coperto dagli Stati Uniti con l’erogazione di borse di studio per gli studenti cinesi meritevoli ed è dichiarato estinto nel 1924. La fine di un impero feudale ormai vetusto e anacronistico passa dunque attraverso la sanguinosa rivolta dei Boxer e l’ultimo tentativo di un’imperatrice, “l’unico vero uomo della Cina”, di fermare inutilmente il tempo.

Bibliografia

Carl Katherine A., With the Empress Dowager of China, Whitefish, Kessinger Publishing, 2004

Dragoni Carlo, La meravigliosa vita di Tzu Hsi. Imperatrice della Cina, Milano, Mondadori, 1943

Haldane Charlotte, The Last Great Empress of China, Indianapolis, Bobbs-Merrill, 1966

Laidler Keith, The Last Empress: The She-Dragon of China, Hoboken, Wiley, 2003

Màdaro Adriano, La rivolta dei boxer. Pechino 1900, Quinto di Treviso, Europrint, 2001

Seagrave Sterling, Dragon Lady: The Life and Legend of the Last Empress of China, New York, Vintage Books, 1993

Tesi Luca, La rivolta dei Boxer - Esoterismo e guerra, magia e arti marziali nella Cina imperiale, Firenze, Arnaud, 1995

Varè Daniele, Storia dell’Imperatrice Tzu-Hsi e del trapasso dalla Vecchia Cina alla Nuova, Firenze, Bemporad, 1933

Warner Marina, The dragon empress: life and times of Tz’u-hsi 1835-1908 Empress Dowager of China, Londra, Cardinal, 1974

Woo X. L., Empress Dowager Cixi: China’s; Ast Dynasty and the Long Reign of a Formidable Concubine: Legends and Lives During the Declining Days of the Qing Dynasty, New York, Algora Publishing, 2003

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • galloway

    26 Oct 2008 - 18:39 - #1
    0 punti
    Up Down

    Ottimo intervento, forse troppo lungo.