Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Nefertiti e Akhenaton: Il periodo di Amarna 2°

    Per la prima volta questa nuova divinità, il dio Aton, non ha sembianze antropomorfe o zoomorfe, anzi non viene mai raffigurato sotto alcun aspetto che non sia quello di un sole i cui raggi sono braccia terminanti con mani, alcune delle quali reggono l’ankh, il simbolo della vita e questo contribuisce a rendere il suo culto poco fruibile. Tuttavia il faraone è il faraone e in qualche modo Akhenaton, nonostante l’aperta ostilità del clero devoto ad Amon, riesce a imporre questo nuovo credo e sposta la capitale dell’Alto e del Basso Egitto da Tebe, la favolosa “Città delle Cento Porte”, al nuovo insediamento di Amarna.