Questo sito contribuisce alla audience di

La cattura di Saddam apre una nuova fase

Il presidente dei DS D'Alema preme per un intervento ONU che apra la strada al passaggio di consegne dei poteri agli Iracheni.

Nuova pagina 1

La
cattura di Saddam? E’ la dimostrazione della necessità di una
svolta”.

Queste le parole del presidente dei Democratici di Sinistra Massimo D’Alema,
che ritiene la cattura del dittatore iracheno il vero segnale della fine
della guerra, ed il punto di svolta per cambiare radicalmente le ragioni
della presenza delle truppe internazionali in Iraq.
L’obiettivo finale resta
l’intervento ONU, in applicazione alla recente presa di posizione del
Palazzo di Vetro, intervento che segnerebbe il passaggio dei poteri dagli
statunitensi agli irakeni.

Il dirigente DS lascia intendere che se
non si aprirà questa “fase 2″ nella gestione della crisi
Iraqena, i DS non sosterranno il rinnovo della missione italiana, ed
ammonisce il Governo che -dice- “deve tener conto di una guerra ormai
finita, e capire che la pace ha bisogno di altre forze in campo”.

Il riferimento è alla Vecchia Europa, Francia e Germania, che il premier
italiano Berlusconi, nel corso del semestre italiano di presidenza dell’UE
non è stato in grado di coinvolgere, fallendo nel tentativo di
coinvolgere l’Unione nella gestione del dopo Saddam.