Questo sito contribuisce alla audience di

Taliban! - parte seconda

Un inaspettato incontro durante un viaggio verso Jalalabad.

Il viaggio verso Jalalabad era iniziato una settimana prima.

Parlando con un amico pakistano ero venuto a conoscenza che c’era la possibilità avere un permesso di 24 ore per recarsi in Afghanistan per fare visita ai parenti e/o conoscenti.

Fu così che feci la conoscenza con Rafique che poi divenne il driver che mi condusse in Afghanistan.

 

Con Rafique, che effettivamente aveva dei parenti a Jalalabad, andai all’Ufficio Immigrazione di Peshwar e compilai il modulo per il permesso.

Mi venne concesso per il sabato successivo.

Una delle condizioni era che dovevo assoldare dei “gun men” a protezione della mia incolumità ed evitare di abbandonare la strada principale perché nella zona erano presenti delle mine e NON ci sono mappe per cui la bonifica va a rilento.

A Peshwar, presso la locale polizia ne assoldai uno, e dopo il Kyber Pass, in territorio Afridi ne assoldai un altro.

 

Il viaggio era interessante, un susseguirsi di gole, contrafforti, grotte. La GT Road, l’antica Via della Seta, collega Kabul, passando per Jalalabad, Peshwar, Taxila, e su verso il Kashmir per affrontare il Kunjerab Pass ed entrare in Cina verso Kashgar per proseguire verso Urunqi e raggiungere Beijing.

Il Kyber Pass fu teatro di sanguinose battaglie anche durante la colonizzazione inglese: molti cippi rendono omaggio ai valorosi battaglioni di truppe anglo-indiane che affrontarono i russi per poter avere il dominio dell’Afghanistan.

Questo dimostra l’importanza strategica della zona ancora prima del possibile corridoio del petrolio Kazako verso l’Oceano Indiano.

Continua ….

Gigi logo

Le categorie della guida