Questo sito contribuisce alla audience di

Stop alla 38!

E’ uno stop giusto e secco al modello anoressico, una risposta che molti attendevano per cercare di ovviare alla magrezza estrema ed all’anoressia sempre più diffusa e che segue modelli spesso imposti dal mondo della moda. Il problema è soprattutto al femminile, complice una cultura che promuove modelli basati sull'apparenza ed un rapporto con il corpo ed il cibo ossessivo e fuorviante

“Il modello di bellezza sempre più associato all’estrema magrezza è ormai un problema sanitario“, questo l’allarme lanciato dal Ministro della Sanità Salgano. E così, in Spagna, per legge, la taglia 38 viene abolita, negli scaffali non ci saranno più quelle taglie extra small “che non fanno che aumentare il senso di frustrazione di consumatori e consumatrici”

La Spagna segue quanto fatto dall’Argentina, dove per contrastare il diffondersi dell’anoressia è stata varata una legge che obbliga le aziende produttrici di abbigliamento per adolescenti ad arrivare fino alla taglia 48.

E’ uno stop giusto e secco al modello anoressico, una risposta che molti attendevano per cercare di ovviare alla magrezza estrema ed all’anoressia sempre più diffusa e che segue modelli spesso imposti dal mondo della moda. Il problema è soprattutto al femminile, complice una cultura che promuove modelli basati sull’apparenza ed un rapporto con il corpo ed il cibo ossessivo e fuorviante. Anche per questo il governo Zapatero ha chiesto la “collaborazione” di alcuni dei più famosi marchi per tutelare la salute di giovani…

Il rapporto sbagliato col cibo riflette, quasi sempre, un profondo disagio interiore…che è importante curare….

C’è da chiedersi quando finalmente anche in Italia cominceremo a discutere su questo

per trovare, insieme, un nuovo cammino…