Questo sito contribuisce alla audience di

Nutrizione e Diete, priorità assolute dell'EFSA per il 2007

Si è tenuta a Bologna la Conferenza sulle indicazioni nutrizionali e sulla salute. Ad inaugurarlo, il Direttore esecutivo dell’EFSA, Catherine Geslain-Lanéelle. Vi propongo alcuni estratti del discorso in cui si parla di diete, nutrizione e salute pubblica priorità assolute per il 2007

 Si è tenuta a Bologna la Conferenza sulle indicazioni nutrizionali e sulla salute.

Ad inaugurarlo, il Direttore esecutivo dell’EFSA, Catherine Geslain-Lanéelle.

Vi propongo alcuni estratti del discorso

in cui si parla di diete, nutrizione e salute pubblica

priorità assolute per il 2007

 

 

 

“Questo è davvero un evento importante per l’EFSA, e l’accento posto oggi sulle indicazioni nutrizionali e sulla salute rientra tra le attività crescenti dell’Autorità nel campo della nutrizione. In particolare mi auguro un dibattito vivace sui temi dei profili nutrizionali e della convalida delle indicazioni, intorno ai quali molteplici sono i pareri e le idee. Voglio esprimere la mia profonda gratitudine ai numerosi esperti accorsi da tutto il mondo a questa conferenza per condividere con l’EFSA le proprie conoscenze ed esperienze. Sono particolarmente lieta di porgere il benvenuto al sottosegretario Patta che si è reso disponibile a inaugurare questa importante Conferenza.

 

L’EFSA è ovviamente interessata a molti argomenti nel campo della nutrizione attraverso l’opera del suo Comitato di esperti scientifici su prodotti dietetici, nutrizione e allergie. Ciononostante io sono impegnata ad incrementare le attività dell’EFSA in questo campo, e non solo attraverso le attività legate all’attuazione del Regolamento sulle indicazioni adottato di recente. Il Consiglio di amministrazione dell’EFSA ha individuato come priorità essenziale lo sviluppo del ruolo dell’EFSA  nella nutrizione e io sono personalmente impaziente di operare in questa direzione nel mio ruolo di Direttore esecutivo dell’EFSA.

 

Sulla salute pubblica l’Europa affronta una sfida decisiva legata alla dieta, la nutrizione e lo stile di vita. L’incidenza di obesità e soprappeso negli adulti è cresciuta in tutta Europa.

 

Di gran rilevanza è che l’incidenza dell’obesità infantile è cresciuta bruscamente:

 

1 su 5 è in sovrappeso, il che significa che sono obesi 3 milioni di bambini su un totale di 14 milioni.
L’evidenza scientifica dimostra inequivocabilmente i legami tra condizioni come l’obesità e i crescenti problemi di malattie croniche: cardiopatia, diabete di tipo 2, ipertensione, cancro ed osteoporosi.
 

L’EFSA deve assumere il suo ruolo di voce europea autorevole sulla sicurezza alimentare e la nutrizione, fornendo le basi scientifiche alle attività da assumersi a livello europeo per combattere il problema. Per raggiungere questo scopo noi abbiamo bisogno di una stretta cooperazione con gli Stati membri e d’un dialogo aperto con le parti interessate, consumatori, dettaglianti e industria. In questa prospettiva l’EFSA non può agire isolata; ci sono troppi protagonisti in questo quadro complesso. Se vogliamo rispondere con successo a questa importante e difficile sfida sulla salute pubblica, debbono giocare un ruolo importante le autorità pubbliche a livello nazionale e comunitario come l’industria, i consumatori, i dettaglianti, la comunità scientifica.

 

Chi assume decisioni politiche europee o nazionali deve avere accesso ai migliori pareri, dati e altre informazioni scientifiche, in modo da poter sviluppare le migliori strategie per combattere questo problema crescente.

 L’EFSA ha una posizione unica a livello europeo per fornire conoscenze scientifiche e informazioni atte ad orientare chi assume le decisioni nello sviluppo di politiche adeguate di gestione del rischio e di azioni specifiche per giungere alla soluzione dei problemi associati alla nutrizione alla dieta e allo stile di vita.

 

Sotto questo punto di vista, lavorare a stretto contatto con le autorità nazionali renderà l’EFSA capace di fornire un’ampia panoramica sugli aspetti scientifici che caratterizzano il quadro europeo”

 

Catherine Geslain-Lanéelle