Questo sito contribuisce alla audience di

Quando digerire diventa più facile

La dispepsia è una tra le principali patologie digestive ed è un termine medico che indica una difficoltà digestiva.

La dispepsia è una tra le principali patologie digestive ed è un termine medico che indica una difficoltà digestiva. Esistono due tipi di dispepsia:

funzionale: dovuta a malattie dell’apparato digerente quali gastrite ed ulcera

non funzionale o disfunzionale: dovuta da fattori alimentari o da fattori emotivi come l’ansia

Escluse le cause della dispepsia funzionale, la dispepsia non funzionale provoca sintomi che si localizzano nella parte superiore dell’addome e i cui sintomi più comuni sono: nausea, pesantezza di stomaco, bruciori o dolori allo stomaco in relazione o meno alla ingestione di cibo, gonfiore e a volte vomito alimentare.

In genere scompare o migliora seguendo una terapia dietetica detta di “risparmio gastrico”. A volte basta correggere un’alimentazione squilibrata con alimenti semplici, poco ingombranti e facilmente digeribili che apportino il giusto equilibrio nutrizionale e un appropriato fabbisogno calorico.

Pasti regolari, limitati condimenti, niente alcool, caffè o liquidi ghiacciatie alcuni alimenti più o meno indicati:

Tra gli Alimenti consentiti:

Frutta e verdura preferibilmente cotta

Latte scremato

Tè leggero

Pane tostato o raffermo

Budini al latte scremato

Tra gli alimenti controindicati:

Pane fresco

Minestre in brodo

Pesce grasso

Salumi

Uova fritte o sode

Peperoni, rape, cavoli

Dolciumi con crema, liquori, cioccolato

E’ importante parlare con il proprio medico di famiglia. Nella maggior parte dei casi, quando i disturbi compaiono per la prima volta e quando l’età non è superiore ai 45 anni, non è necessario eseguire esami, sapendo che si tratta di disturbi innocui, anche ci fossero delle ricadute sarà possibile affrontarle con ancora maggiore serenità.

lm