Questo sito contribuisce alla audience di

Beautiful

Il romanzo-indagine di un giovanissimo talento sul mondo e sul linguaggio dell’anoressia

Quella che vi ho raccontato è una storia vera,

è la mia storia, ed è

quello che succederà

a tutte quelle che adorano Ana…

perché io ho una convinzione:

un’anoressica per uscire dal suo problema deve toccare il fondo

con le proprie mani.

(dal blog di una ragazza anoressica)

 

 

Tre storie, tre disperazioni sottili e invisibili, un’unica soluzione: sottrarsi lentamente alla vita, nella convinzione di migliorarla -una negazione che è ribellione estrema. Questo il filo rosso che cuce i molteplici aspetti del disagio, della sofferenza, della malattia, ma anche semplicemente dell’adolescenza, che questa giovanissima scoperta del mondo letterario mette in luce per capire l’anoressia, senza mai giudicare, semplicemente ascoltando le parole di chi la vive: grazie all’innovativo ritmo linguistico dettato da blog, e-mail, chat – Andrea coraggiosamente espone una realtà che va oltre il caso singolo, per abbracciare il malessere di una generazione.

In un percorso che affronta trasversalmente geografia e cultura italiane, l’autore crea una storia capace di dar voce alle emozioni e alle percezioni di tre giovani che nell’anoressia trovano l’unica condizione esistenziale possibile.

Basato su ricerche approfondite e arricchito dalla straordinaria prefazione-testimonianza di Fatina, ragazza di 14 anni che ha vissuto questo male sulla propria pelle, questo romanzo sincero e crudo ci fa entrare nella vita nascosta delle anoressiche, spesso condivisa solo in rete, attraverso blog e chat pro-Ana, in

cui ragazze malate si scambiano pensieri, consigli per perdere peso, sofferenza e musica: da Christina Aguilera ai Subsonica, dai Pulp agli Smashing Pumpkins ai Verdena, BEAUTIFUL è anche una colonna sonora dell’anoressia.

L’autore. Giovanissimo talento, Andrea ha ventiquattro anni e non ha cognome, perché le parole del suo libro non sono solo parole personali, ma appartengono ad un’intera generazione. Andrea è sia maschio che femmina, la sua vera identità è l’identità di tutti i giovani che leggeranno il libro. Andrea non ha cognome,

come senza cognome sono le ragazze delle chat e delle comunità in rete: senza un’identità precisa, è più facile sfogarsi e dire tutto.

Lo stesso fa Andrea.

Giulia Masperi, mob. 339 3847775, giulia@noreply.it

collana Velvet formato 12 cm

pagine 144 prezzo 12 euro