Questo sito contribuisce alla audience di

Diabete: dieta e sport come chiave di svolta e terapia

Nella patologia del diabete di tipo 1 e 2, gli schemi dietetici e lo sport sono un vero e proprio strumento terapeutico. Lo dimostrano con successo le tante associazioni nate per la promozione della vita attiva, e la scienza!

Diabete, dieta e sport
In Italia si contano più di due milioni di diabetici. Un numero destinato a crescere e che potrebbe raggiungere in breve la soglia dei cinque milioni di persone colpite, in linea con le stime mondiali che parlano di una vera e propria epidemia nei paesi industrializzati. A questo si aggiunge che se fino a pochi anni erano le persone anziane ad aver bisogno di terapie efficaci ora è cresciuto numero di bambini coinvolti. Quanto basta per approfondire. Parliamo di diete, diabete ma più di tutto di sport come chiave di svolta e terapia.

    1 Quali sono le cause?
    Una dieta errata è una delle concause ma l’eccesso di cibo non è di per se stesso causa dell’insorgere della malattia che però può essere rilevante in soggetti predisposti o nell’aggravamento di chi ne soffre. Infatti, oltre all’uso smodato di carboidrati, esiste anche il fattore genetico e l’insorgere di malattie infettive, sia acute sia croniche, che possono colpire il pancreas alterando la funzione endocrina.

    2 Quali le terapie?
    Per chi soffre di diabete di tipo 1 e 2 le chiavi di svolta sono: terapia, dieta e sport.

    3 Perché l’attività fisica è sempre importante? Come agisce lo sport?
    Nel diabete di tipo 1 l’esercizio fisico moderato è benefico sia per l’apparato cardiovascolare che per migliorare il compenso glicemico. Và sottolineato che l’attività fisica porta ad una vasodilatazione periferica dei capillari con migliore utilizzazione dell’insulina portando una diminuzione della glicemia. In pratica il muscolo in attività, una volta esaurite le scorte di glicogeno, è in grado di utilizzare il glucosio ematico direttamente, senza intervento, o quasi, dell’insulina. Tale meccanismo si ripete anche nel diabete di tipo 2 con minore rischio per crisi ipoglicemiche.

    4 Quali sport sono indicati per il paziente diabetico?
    L’attività fisica moderata, caratterizzata da passeggiate, nuoto, non agonistico e con controllo della glicemia è sempre indicata. Vanno esclusi gli sport subacquei, il motociclismo, l’alpinismo che risultano invece pericolosi in caso di ipoglicemia.
    Se l’attività fisica è intensa e protratta, e qualora il medico diabetologo e gli altri specialisti la ritengano possibile, sono invece necessari dei suggerimenti particolari tra cui l’inizio dell’attività almeno un’ora dopo l’iniezione.

In ogni caso, oltre la terapia nutrizionale , è necessario che il paziente svolga un ruolo il più possibile attivo adottando un comportamento redditizio per la qualità della vita.

Luisa Maria Carretta
© Opera protetta da licenza C.C

Diabete, dieta e sport

Diabete, dieta e sportDiabete, dieta e sportDiabete, dieta e sportDiabete, dieta e sportDiabete, dieta e sportDiabete, dieta e sport