Questo sito contribuisce alla audience di

D. Lgs. 43/1948

untitled Decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43 (in Gazz. Uff., 17 febbraio, n. 40). Divieto delle associazioni di carattere militare. Preambolo Il Presidente della Repubblica: Visto l’art. 4[...]

untitled

Decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43

(in Gazz. Uff., 17 febbraio, n. 40).

Divieto delle associazioni di carattere militare.

Preambolo
Il Presidente della Repubblica: Visto l’art. 4 del decreto-legge Luogotenenziale 25 giugno 1944, n. 151,
con le modificazioni ad esso apportate dall’art. 3, comma primo, del decreto legislativo Luogotenenziale 16 marzo
1946, n. 98; Viste le disposizioni transitorie I e XV della Costituzione; Visto l’art. 87, comma quinto, della
Costituzione; Sulla proposta del Ministro per la grazia e giustizia, di concerto col Ministro per l’interno e
col Ministro per la difesa; Promulga il seguente decreto legislativo, approvato dal Consiglio dei Ministri con
deliberazione del 14 febbraio 1948:

Art. 1.

Chiunque promuove, costituisce, organizza o dirige associazioni di carattere militare, le quali perseguono,
anche indirettamente, scopi politici, è punito con la reclusione da uno a dieci anni.

Chiunque vi partecipa è punito con la reclusione fino a diciotto mesi.

La pena è da uno a cinque anni se è trovato in possesso di armi.

Ai fini del presente decreto, si considerano associazioni di carattere militare quelle costituite mediante
l’inquadramento degli associati in corpi, reparti o nuclei, con disciplina ed ordinamento gerarchico interno analoghi
a quelli militari, con l’eventuale adozione di gradi o di uniformi, e con organizzazione atta anche all’impiego
collettivo in azioni di violenza o di minaccia.

Non è ammesso l’arresto preventivo nei casi previsti dal secondo comma del presente articolo.

Art. 2.

Alle associazioni od organizzazioni dipendenti o collegate con partiti politici o aventi anche indirettamente
fini politici è vietato di dotare di uniformi o di divise i propri aderenti.

Sono eccettuate le associazioni od organizzazioni costituite a fine sportivo e gli istituti di carattere culturale
od educativo.

I trasgressori sono puniti con la pena dell’arresto da sei mesi a tre anni e le uniformi sono confiscate.

Art. 3.

Il Ministro per l’interno è autorizzato a vietare, limitatamente a determinati periodi di tempo, l’uso
in pubblico di uniformi o di divise da parte di associazioni od organizzazioni di qualsiasi natura.

Art. 4.

Il presente decreto entra in vigore lo stesso giorno della sua pubblicazione nella <>.