Questo sito contribuisce alla audience di

Legge 463/2001

untitled LEGGE 31 dicembre 2001, n. 463 in Gazzetta Ufficiale N. 7 del 09 Gennaio 2002 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 novembre 2001, n. 411, recante proroghe e[...]

untitled

LEGGE 31 dicembre 2001, n. 463

in Gazzetta Ufficiale N. 7 del 09
Gennaio 2002

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 novembre 2001, n. 411, recante proroghe e differimenti
di termini.

La Camera dei deputati ed il Senato
della Repubblica hanno

approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Art. 1.

1. Il decreto-legge 23 novembre 2001, n. 411, recante proroghe e differimenti di termini, e’ convertito in legge
con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge. 2. La presente legge entra in vigore il giorno
successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Allegato

Modificazioni apportate in sede di conversione al decreto-legge 23 novembre 2001, n. 411

All’articolo 1, la rubrica e’ sostituita dalla seguente: “Comitato degli italiani all’estero”.

All’articolo 3, comma 1, la parola:
“pagati” e’ sostituita dalla seguente: “utilizzati”.

Dopo l’articolo 3, e’ inserito il
seguente:

“ART. 3-bis. - (Adeguamenti
alle prescrizioni antincendio per le strutture ricettive esistenti)

1. Le attivita’ ricettive esistenti
con oltre venticinque posti letto completano l’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi di cui alle
lettere b) e c) del punto 21.

2 della regola tecnica di prevenzione
incendi per le attivita’ ricettive turistico-alberghiere, approvata con decreto del Ministro dell’interno 9 aprile
1994, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 maggio 1994, entro il termine del 31 dicembre 2004. Nel
termine di centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto,
il Ministro dell’interno provvede, ai sensi del penultimo comma dell’articolo 11 del decreto del Presidente della
Repubblica 29 luglio 1982, n. 577, ad aggiornare le disposizioni di cui al citato decreto ministeriale 9 aprile
1994 relative alle attivita’ ricettive esistenti, avendo particolare riguardo alle esigenze di quelle ubicate nei
centri storici”.

All’articolo 4:

al comma 1, il primo periodo e’ sostituito
dal seguente: “Il termine di cui all’articolo 41, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e successive
modificazioni, relativo al regime di contribuzione diretta per le spedizioni postali, e’ prorogato al 1 gennaio
2003″;

dopo il primo periodo, e’ inserito
il seguente: “Le autorizzazioni di spesa di cui all’articolo 27, comma 7, della legge 23 dicembre 1999, n.
488, e successive modificazioni, per il periodo 1 gennaio-31 dicembre 2002, sono destinate al rimborso delle riduzioni
tariffarie applicate nel medesimo periodo dalla societa’ per azioni Poste Italiane alle spedizioni postali di cui
all’articolo 41, comma 1, della citata legge n. 448 del 1998, e successive modificazioni”;

dopo il comma 1, e’ aggiunto il seguente:

“1-bis. Fino all’entrata in
vigore delle agevolazioni previste dall’articolo 41 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e successive modificazioni,
alle spedizioni di prodotti editoriali effettuate dalle case editrici e da librerie autorizzate si applicano le
tariffe vigenti al 31 agosto 2001 come previste dal decreto ministeriale 28 marzo 1997, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 90 del 18 aprile 1997, nel limite massimo delle risorse stanziate con le autorizzazioni di spesa di
cui all’articolo 27, comma 7, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e successive modificazioni”.

Dopo l’articolo 5, e’ inserito il
seguente:

“ART. 5-bis. - (Edilizia)

1. Il termine di entrata in vigore
del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, recante testo unico delle disposizioni legislative
e regolamentari in materia edilizia, e’ prorogato al 30 giugno 2002″.

All’articolo 7, dopo il comma 1 e’
aggiunto il seguente:

“1-bis. Le somme iscritte nell’unita’
previsionale di base 15.1.2.2 “Collettivita’ italiana all’estero” - capitolo 4065 - dello stato di previsione
del Ministero degli affari esteri per l’anno 2001, per le finalita’ di cui alla legge 16 marzo 2001, n. 72, recante
“Interventi a tutela del patrimonio storico e culturale delle comunita’ degli esuli italiani dall’Istria,
da Fiume e dalla Dalmazia”, possono essere impegnate entro il 31 dicembre 2002″.

Dopo l’articolo 7, e’ inserito il
seguente:

“ART. 7-bis. - (Proroga del
termine per la domanda di ricostruzione del rapporto assicurativo)

1. Il termine per la presentazione
della domanda di ricostruzione del rapporto assicurativo dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, o dei
loro familiari superstiti aventi diritto, licenziati per motivi politici, sindacali o religiosi, di cui alla legge
26 febbraio 2001, n. 30, scade il 30 giugno 2002″.

Dopo l’articolo 8, sono inseriti
i seguenti:

“ART. 8-bis. - (Proroga dei
termini per la domanda di accredito della contribuzione figurativa)

1. I soggetti di cui all’articolo
3, comma 1, del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 564, che non hanno presentato la domanda di accredito
della contribuzione figurativa per i periodi anteriori al 1 gennaio 2001 secondo le modalita’ previste dall’articolo
3, comma 3, del medesimo decreto legislativo, e successive modificazioni, possono esercitare tale facolta’ entro
il 31 marzo 2002.

ART. 8-ter. - (Proroga di termini
relativi alla disciplina delle cooperative)

1. I termini di cui all’articolo
6, comma 1, e all’articolo 7, comma 1, della legge 3 aprile 2001, n. 142, sono prorogati al 30 giugno 2002.

ART. 8-quater. - (Proroga di termini
relativi ad adempimenti delle societa’ a responsabilita’ limitata)

1. Le societa’ a responsabilita’
limitata, costituite antecedentemente al 1 gennaio 2002, hanno termine sino al 31 dicembre 2004 per adeguare l’ammontare
delle quote e del capitale alle disposizioni dettate dall’articolo 2474, primo, secondo e terzo comma, del codice
civile, come modificato dall’articolo 4, comma 2, lettera b), del decreto legislativo 24 agosto 1998, n. 213, ferma
restando la contabilizzazione in euro prescritta dal citato decreto legislativo.

ART. 8-quinquies. - (Differimento
di termini di scadenze previste dalla legge n. 416 del 1998, in materia di metanizzazione del Mezzogiorno)

1. I termini per la presentazione
al Ministero delle attivita’ produttive della documentazione finale di spesa e della documentazione di collaudo,
gia’ previsti dall’articolo 1, commi 1, 2 e 4, della legge 30 novembre 1998, n. 416, sono differiti al 31 dicembre
2002.

ART. 8-sexies. - (Etichettatura di
sfarinati e paste alimentari)

1. All’articolo 12, comma 6, del
decreto del Presidente della Repubblica 9 febbraio 2001, n. 187, le parole: “Per centottanta giorni dalla
data di entrata in vigore del presente regolamento” sono sostituite dalle seguenti: “Fino al 30 giugno
2002″.

ART. 8-septies. - (Proroga del termine
per la prestazione del servizio militare nelle loro province da parte dei giovani residenti nei comuni delle Marche
e dell’Umbria colpiti dal sisma del 26 settembre 1997)

1. Per i giovani soggetti all’obbligo
di leva e per i militari in servizio di leva le disposizioni di cui all’articolo 1-ter, commi 1 e 2, del decreto-legge
27 ottobre 1997, n. 364, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 1997, n. 434, e successive modificazioni,
si applicano nei territori delle regioni Marche ed Umbria, nei limiti delle richieste di personale avanzate dalle
singole amministrazioni che attestino la persistenza di effettive esigenze connesse agli interventi necessari a
fronteggiare la crisi sismica del 26 settembre 1997, fino al 31 dicembre 2002.

ART. 8-octies. - (Minoranze linguistiche
storiche)

1. I termini di cui all’articolo
13 del decreto del Presidente della Repubblica 2 maggio 2001, n. 345, sono prorogati di tre mesi a decorrere dalla
scadenza fissata nel medesimo articolo. 2. Le somme iscritte nel bilancio dello Stato per l’anno 2001 ai sensi
degli articoli 9, comma 2, e 15, comma 1, della legge 15 dicembre 1999, n. 482, recante “Norme in materia
di tutela delle minoranze linguistiche storiche”, non utilizzate al 31 dicembre 2001, possono essere impegnate
nell’esercizio successivo.

ART. 8-nonies. - (Differimento di
interventi nel settore della ricerca scientifica)

1. Al fine di differire gli interventi
nel settore della ricerca scientifica utilizzando le risorse finanziarie stanziate dalla legge 23 dicembre 2000,
n. 388, e successive modificazioni, e’ autorizzata la spesa:

a) di lire 2 miliardi per l’anno
2001, di 41.317 migliaia di euro per ciascuno degli anni 2002 e 2003, finalizzata all’incremento dell’importo per
il finanziamento di progetti di ricerca universitaria di rilevante interesse nazionale e di grandi attrezzature
scientifiche universitarie;

b) di lire 4,5 miliardi per l’anno
2001, di 1.291 migliaia di euro per l’anno 2002 e di 1.807 migliaia di euro per l’anno 2003, per interventi straordinari
a sostegno della ricerca universitaria;

c) di 19.109 migliaia di euro per
l’anno 2002 e di 20.658 migliaia di euro per l’anno 2003 per il potenziamento del Fondo per le agevolazioni alla
ricerca.

2. All’onere derivante dall’attuazione
delle disposizioni di cui al comma 1 per il triennio 2001-2003, pari a 6,5 miliardi di lire per l’anno 2001, a
61.717 migliaia di euro per l’anno 2002 e a 63.782 migliaia di euro per l’anno 2003, si provvede mediante corrispondente
riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2001-2003, nell’ambito dell’unita’ previsionale
di base di conto capitale “Fondo speciale” dello stato di previsione del Ministero del tesoro, del bilancio
e della programmazione economica per l’anno finanziario 2001, allo scopo utilizzando l’accantonamento relativo
al Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica. Il Ministro dell’economia e delle finanze
e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio”.

La presente legge, munita del sigillo
dello Stato, sara’ inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo
a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.